Il Crotone, alla prima uscita ufficiale in Coppa Italia, ha iniziato a mettere in mostra un buon impianto di gioco.

Merito di Giovanni Stroppa che, in pochi giorni di ritiro, è riuscito a trasmettere un’importante impronta al gruppo.

Segnali incoraggianti che, però, non bastano a dare certezza in vista di un campionato in cui il sodalizio pitagorico dovrà necessariamente recitare un ruolo da protagonista.

La squadra ha diversi giocatori emergenti, ma manca di uomini in grado di fare la differenza in alcuni punti nevralgici.  Servono specialisti della categoria, trattative rimaste in naftalina per la mancanza di certezze relativamente al campionato che si sarebbe andato a disputare.

Inutile girarci attorno: adesso appare difficile immaginare che il campionato che si giocherà non sia quello cadetto e pertanto Vrenna e Ursino sono pronti a regalare grandi colpi ai sostenitori pitagorici.