Il calcio italiano è in una fase in cui molte squadre sono pericolanti. C’è chi non è nelle condizioni di potersi iscrivere ai campionati, chi deve fare i conti con pesanti deferimenti.

Non è un problema del Crotone che si conferma società sana e trasparente.  Lo è diventato, però, da quando il deferimento del Chievo rischia di portare i veronesi in Serie B.

A quel punto i pitagorici avrebbero la precedenza sulle contendenti per un’eventuale partecipazione alla Serie A al posto dei veronesi.  Una prospettiva che non può che far piacere, ma che allo stato attuale rappresenta un imprevisto.

La sentenza si avrà tra non meno di venti giorni e molto di più potrebbe passare affinché si abbia il giudizio definitivo passando per tutti i gradi sportivi possibili. Il sodalizio pitagorico rischia di trovarsi in una specie di limbo.

Ursino e Stroppa, infatti, potrebbero non sapere a lungo se stanno costruendo una squadra per vincere il torneo cadetto o per salvarsi in massima serie. Presto, però, si capirà come c’è intenzione di agire.