Il colpo d’occhio offerto dallo Scida dopo i lavori di adeguamento per disputare la Serie A era davvero diventato ad effetto.
Adesso, a quanto, pare c’è il serio rischio che l’impianto possa tornare allo status iniziale.
L’impianto sorge su un’area di interesse archeologio e la Sovrintenenza ritiene debba tornare a com’era prima della massima serie, dopo la deroga di due anni fa.
Ci appella naturalmente al buonsenso, rispetto all’idea che di punto in bianco debba essere nuovamente ridotta la capienza togliendo i posti aggiuntivi.
Immaginando che tra un anno il Crotone si trovi nuovamente in Serie A ci si troverebbe a dover rimettere tutto a posto.
Si attendono sviluppi nelle prossime ore e le massime istituzioni interveranno per evitare che una situazione incresciosa possa sfuggire di mano.
Non se lo merita il Crotone, il più grande vanto che la città ha potuto avere negli ultimi anni.