Ancora una volta il Crotone fallisce un match ball che sarebbe potuto valere la salvezza. Oggi se la squadra di Zenga corre il rischio di retrocedere lo deve alle occasioni mancate negli scontri diretti del girone di ritorno, come quelli contro Spal, Benevento e Cagliari (in quel caso la colpa fu dell’errore arbitrale).
Sarebbe bastata vincere una sola di queste gare per essere al sicuro, invece adesso c’è un punto da difendere sul Cagliari. Una sola lunghezza, ma che può valere tantissimo considerato il probitivo calendario di entrambe, senza voler considerare tutte le altre.
Dopo sette punti in tre partite i pitagorici non hanno offerto la gara che ci si aspettava contro un Chievo che sapeva di dover mettere tutto in campo. I pali non hanno aiutato i calabresi, ma nel complesso gli uomini di Zenga avrebbero potuto fare di più soprattutto in fatto di continuità e presenza nella partita.
Il possesso palla avuto in larga misura in più rispetto al Chievo è stato piuttosto sterile.