Ci sono partite che hanno il pronostico chiuso. Sono quelle dove l’avversario è fortissimo e se ottieni un risultato positivo fai un miracolo.
Non è uscito nulla di sovrannaturale al Crotone contro la Roma, ma la buona prestazione c’è stata.
Non era facile contro un avversario galvanizzato dai risultati ottenuti in Champions League e se oggi raccontano di una squadra giallorossa capace di vincere con cinismo, è facile dedurre che a fare la differenza sia stata la capacità risolutiva dei singoli della Roma.
Primo fra tutti Allison che praticamente non va mai più in basso del 7 nelle pagelle dei quotidiani nazionali.
Il rammarico è proprio per quei 20 minuti della ripresa in cui sarebbe potuto arrivare un meritato pareggio.
Il rammarico resta perchè oggi trovarsi invischiati nella lotta per non retrocedere fa tornare alla mente quel duro colpo inferto dalla doppia sconfitta subita contro Spal e Benevento che oggi, con risultati diversi, avrebbe potuto significare una situazione molto più tranquilla.