Il Crotone si rammarica per aver perso sul filo di lana quella che sarebbe stata un’altra vittoria importante e prestigiosa contro l’Atalanta.

Al di là del risultato, però, la prestazione ha confermato che gli uomini di Zenga hanno imboccato la strada giusta.

La squadra pitagorica dà l’idea di sapere sempre cosa fare in campo, di aver acquisito la consapevolezza di potersela giocare e soprattutto la convinzione che alla fine si arriverà alla salvezza.

E al di là dei pensieri che si abbiano le carte in regola lo dice in campo.

Attenzione, però, adesso c’è un rischio che in pochi avrebbero potuto pronosticare: quello di sentirsi troppo bravi.

Un problema se all’orizzonte te la devi giocare con il fanalino di coda, reduce da una cinquina subita a Roma.

Non si può commettere l’errore di sottovalutare l’avversario,  anche perchè battere il Benevento significherebbe probabilmente occupare uno dei tre posti all’inferno che il Crotone conta di evitare.