Mister Braglia: «I ragazzi hanno voluto vincere la gara a tutti i costi, hanno dato l’anima e mi dispiace per Calamai che non doveva essere espulso, però così riposa. Loviso ha fatto una grande partita, ha corso molto. La ricetta? Forse l’ho fatto arrabbiare… Credo che questi ragazzi abbiano fatto un cambiamento notevole, devono pensare a tirarsi fuori dei guai e sono contento per loro. Sono felicissimo per il gol di Pascali su calcio d’angolo perché finalmente siamo riusciti a beccare uno schema (ride, ndr). Okereke sul lungo ti ammazza, cercheremo di lavorare sulle caratteristiche di questi ragazzi, Perez e Baclet hanno fatto una partita di una generosità impressionante».

Angelo Corsi: «Un gol solo all’anno, ma bello? Le tradizioni vanno rispettate… A parte gli scherzi credo che abbiamo disputato una gara strepitosa, liberando spesso il play e giocando benissimo, anche a dispetto di un campo pesante su cui un passo è pari a tre. La differenza la fa sempre la testa, in questo momento stiamo bene, siamo consapevoli della nostra forza e questo fa la differenza. Abbiamo perso una decina di punti a inizio campionato, siamo ancora lontani dalla salvezza, come dice il Mister, la classifica ci deve riguardare davvero poco, dobbiamo solo correre al massimo e mantenere questo spirito di squadra: non ce n’è uno che sta fuori dai binari, chi entra dà sempre il massimo, dispiace per chi sta fuori ma ci sarà spazio per tutti. La molla? La partita di Rende, ma è solo un episodio: a noi toccava ritrovare certezze, se noi caliamo di concentrazione diventiamo una squadra. Okereke e Perez hanno fatto veramente bene».

Massimo Loviso: «Il segreto di questo gruppo è che prima dei calciatori ci sono gli uomini: ci siamo guardati in faccia ed abbiamo deciso che avremmo dovuto dare una sterzata a questa stagione e così abbiamo fatto. La mia prestazione? Volevo dimostrare a tutti chi fosse Massimo Loviso e quanto possa essere importante per questa squadra, a prescindere dal numero delle partite che ho giocato e che giocherò».