“Il Catanzaro è stato il primo club calabrese a calcare il grande proscenio della serie A. È una società gloriosa che appartiene all’intera comunità cittadina e che non possiamo concederci il lusso di perdere. L’ipotesi nefasta di una ripartenza dai dilettanti equivarrebbe a una sconfitta per tutta la città e va scongiurata in ogni modo. In questo senso, le notizie che apprendo dalla stampa sono un piccolo segnale di speranza che va alimentata”. È quanto dichiara il delegato Coni Catanzaro, Giampaolo Latella, che prosegue: “In attesa delle decisioni e delle comunicazioni ufficiali – quando potranno arrivare – dell’attuale proprietà, ritengo necessario interpretare un sentimento diffuso tra gli sportivi e i cittadini catanzaresi: quello dell’assoluta necessità che la famiglia Cosentino perfezioni ogni adempimento amministrativo e finanziario, compresa l’iscrizione al campionato di Lega Pro, che attende di essere soddisfatto. Nonostante le difficoltà, la squadra giallorossa è riuscita a conquistare sul campo il diritto a restare tra i professionisti e nessuna traversia può mettere in discussione il mantenimento di questo patrimonio tecnico ed economico. È evidente, infatti, che la cessione della società abbia possibilità di successo di gran lunga maggiori nel caso in cui la squadra venga regolarmente iscritta al campionato e senza debiti legati alle posizioni dei tesserati, al fine di evitare il rischio di una penalizzazione nella prossima stagione agonistica. Auspico anche io – conclude Latella – che l’attuale proprietà compia un altro sacrificio, che costituirebbe per un verso un indiscutibile atto d’amore nei confronti dei gloriosi colori giallorossi, e per l’altro una scelta lungimirante dal punto di vista imprenditoriale. Una scelta utile ad aprire nuove prospettive per un futuro meno travagliato delle Aquile, all’insegna dei valori etici che devono contraddistinguere l’attività d’impresa, specie nello sport”.