Non c’è pace per il Catanzaro, non c’è pace per la proprietà dei Cosentino. Sono arcinote le vicende che hanno riguardato e riguardano ancora il massimo dirigente, poi quello spiraglio che si è aperto con la delega di firma alla figlia Gessica, adesso il pignoramento riguardante vecchie spettanze per l’ex medico dei giallorossi passato ad essere esecutivo a distanza di due anni dal decreto ingiuntivo. In tutto questo una preoccupazione sempre crescente con il trascorrere dei giorni, perché sempre più vicine sono le scadenze che dovranno portare alla iscrizione al prossimo campionato. Nulla ancora si muove e tutti aspettano notizie per capire quello che succederà. Non è ancora chiarissima la volontà di cessione da parte dell’attuale proprietà, fermo restando che nessuno si è fatto avanti mostrando interesse. I giorni, come detto, passano, i tifosi aspettano impazienti, mai dopo la soffertissima salvezza ottenuta, si poteva immaginare uno scenario simile.