Secondo giorno di ritiro per la formazione giallorossa a Villaggio Palumbo. Doppia seduta di allenamento sul rettangolo verde di Villaggio Baffa con uno degli ultimi arrivati, ovvero il difensore Giusto Priola, che si presenta così all’ambiente sportivo: “Perché ho scelto le Aquile? E’ stato importante fascino ed il blasone del Catanzaro nonché la bontà del progetto tecnico prospettatomi dal mister e dal Dg Donnarumma”.

Il neo giallorosso Priola svela così il “perché” del suo “sì” al club giallorosso, per quello, poi, che rappresenta un ritorno al Sud per lui, siciliano doc. Il difensore, infatti, classe ‘90’ palermitano di nascita, vanta tra l’altro ben quattro campionati nel Trapani prima di un’avventura dall’altro capo dell’Italia. Nella scorsa stagione, con la maglia del Bassano ha sfiorato la cadetteria. “Diciamo – commenta Priola – che la B ci è sfuggita di un soffio… ben due volte. La prima volta proprio sul finire del torneo e poi nella finalissima play off. Comunque è un capitolo chiuso e adesso ho tanta voglia di rivalsa con la mia nuova squadra”. Nel Catanzaro che sta nascendo nel ritiro di Villaggio Palumbo ci sarà un reparto difensivo che potrà contare sull’esperienza e sulle doti di Priola: “So che mister D’Urso ha intenzione di partire con la difesa a tre e devo dire che si tratta di un sistema di gioco ideale per le mie catteristiche. Per me non fa diffrenza giocare nel mezzo oppure sul centro-destra o centro-sinistra della difesa a tre”. Per quanto riguarda la preparazione, anche oggi doppia seduta di allenamento. Al mattino lavoro tattico e poi fisico, mentre al pomeriggio è stata la volta di una seduta divisa tra parte atletica e tecnica. Il gruppo si è allenato al completo, compresi Russotto e Barraco che avevano raggiunto il giorno prima il ritiro. Si è aggregato anche Razzitti che ha preso parte all’allenamento pomeridiano.
fonte: uscatanzaro1929.com