ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA-MABBONATH PALERMO 7-7

Marcatori: 4’44”pt e 6’58”pt Scopelliti (C), 8’03”pt e 18’26”pt Atkinson (C), 10’41”pt e 2’10”st Di Trapani (M), 16’51”pt Restivo (M), 2’22”st e 11’26”st Cilione (C), 2’59”st Scopelliti aut. (M), 17’15”st Giriolo (C), 17’29”st e 18’15”st rig. Torcivia (M), 19’10”st Durante aut. (M).

Cataforio: Mancuso, Durante, Laganà, Giriolo, Martino, Sarica, Campolo, Scopelliti, Cilione, N. Modafferi, Parisi, Atkinson. All. Praticò.

Mabbonath: Immesi, D’Orio, Torcivia, Restivo, Rizzo, Di Trapani, Cipolla, Moontevago, Hamici, Napoli, Capitano, Virzì. All. Cappello.

Note: Ammoniti: Scopelliti (C), Laganà (C), Parisi (C), Martino (C), D’Orio (M), Restivo (M), Rizzo (M).

Il Futsal rende possibile ciò che all’apparenza può sembrare irrealizzabile. In 2:45 il Cataforio si vede rimontare dal 7-4 al 7-7, finendo per pareggiare un incontro ben approcciato nel primo tempo, con qualche sbavatura, subito punita, nel secondo.

Mister Praticò convoca gli stessi dodici vittoriosi nel mercoledì di Coppa e davanti a Parisi imposta Durante, Giriolo, Laganà e Martino. La partenza è roboante per i reggini che sfiorano il vantaggio per due volte con Durante, mentre Parisi deve respingere su Torcivia. Praticò inserisce Atkinson e Scopelliti ed arrivano subito i frutti dai neo entrati. Il brasiliano (che aveva colpito un palo in precedenza) smarca il compagno che insacca e concederà il bis poco dopo ribadendo in rete la respinta di Immesi ancora su tiro di Atkinson. Bianconeri padroni del campo, il pivot verde-oro colpisce un altro legno e poi trova direttamente da calcio di punizione il tris. La Mabbonath è frastornata, ma nonostante ciò, riesce con Di Trapani ad accorciare, bravo ad intercettare sull’errore di Giriolo subito rincuorato dai compagni. Siciliani ora più reattivi che riescono anche ad andare sul -1, trovando la deviazione sottomisura di Restivo, lasciato troppo solo sul secondo palo in occasione della punizione battuta da D’Orio. Cataforio che dall’altra parte costringe gli avversari, molto fisici nei contrasti, al bonus falli, ma sia Atkinson, sia Laganà, non riescono nei due tentativi di trasformazione sui tiri liberi. In chiusura il colpo di testa di capitan Cilione termina fuori di un niente.

Al rientro dagli spogliatoi i locali sembrano in grado di gestire la gara e si arriva, nel corso del secondo minuto di gioco, al botta e risposta tra Di Trapani (ancora una volta troppo libero e imbeccato da Restivo) e Cilione (con l’assist magistrale di Durante). Neanche il tempo di osservare il 5-3 sul tabellone luminoso, che la sfortunata deviazione di Scopelliti, sulla punizione di Hamici, inganna Parisi. Il 5-4 lascia apertissima la sfida, la Mabbonath coglie una traversa e linea interna, che fa correre i brividi al pubblico del “PalaMazzetto”, prima di bissare con il palo di D’Orio. Nel momento di sofferenza per i suoi, capitan Cilione, si inserisce perfettamente sull’angolo battuto da Scopelliti, tanto da regalarsi la doppietta. Ritornato sul doppio vantaggio, il Cataforio riesce a gestire seppure i neroverdi di mister Cappello sono tutt’altro che arrendevoli. Si arriva a 2:45 con Giriolo preciso e puntuale sull’assist, ancora, di Atkinson per il 7-4 che lascia presagire ad una vittoria ormai vicina. Non è così. Dopo 15 secondi Torcivia realizza anch’egli su un inserimento da calcio d’angolo; a 1’45” dalla fine Restivo, schierato come portiere di movimento, costringe Parisi al fallo (dubbi che permangono) che porta così ancora Torcivia ad andare in gol, trasformando il penalty. A 50” dalla fine arriva la doccia gelata. Nuovamente Restivo mette in mezzo su un altro calcio d’angolo e trova un’altra deviazione, una carambola, di un difensore di casa, stavolta è Durante, che spiazza Parisi. L’impensabile si materializza. Scopelliti deve salvare sulla linea (con Modafferi schierato come quinto di movimento) il tentativo del portiere Immesi, a 8” dal termine. All’ultimo secondo è invece Laganà che trova la grande risposta ancora di Immesi sul suo mancino destinato in fondo al sacco.

A fine gara, mister Praticò ha così commentato: “Resta tanto amaro in bocca perché la squadra aveva approcciato alla perfezione il match, nonostante qualche errore individuale e qualche attimo di blackout. Eravamo quasi certi della vittoria ma quando si è disattenti in alcune situazioni, al cospetto di una squadra esperta come la Mabbonath, siamo stati recuperati. Cosa dovremo migliorare? Dal punto di vista tecnico e tattico sono molto soddisfatto perché mi seguono alla grande. Dovremo migliorare in termini della gestione della pressione nel corso del match”.