La Royal cala il tris: dopo Kalè e Saraniti ecco la promettente Anita Furno, che proprio ieri ha compiuto vent’anni. Si tratta di un centrale difensivo ma col vizio del gol, è nativa di Leonforte in provincia di Enna e porta così a tre gli acquisti della Royal, oltre alle riconfermate Fragola e De Sarro.

La promettente siciliana molte volte è stata convocata anche in Rappresentativa a testimonianza delle sue indubbie doti tecnico-atletica. “Gioco al calcio da quando avevo sei anni – racconta Anita Furno – e ovviamente sempre con i maschietti fino all’età di 14 anni. Quindi il passaggio al femminile prima ad Assoro, comune vicino Enna e poi Caltanissetta con la Pro Nissa in squadre di Futsal. Da qui il passaggio nel calcio a 11: prima a Catania, due anni di Serie B e poi a Capo D’Orlando. Per finire sono ritornata al mio paese la scorsa stagione giocando nelle Leonesse White di calcio a 5 in Serie C”. Com’è andata? “E’ stato un anno pieno di emozioni e soddisfazioni: ci ho messo tanto impegno e, nonostante abbia giocato da centrale difensiva il mio ruolo, sono stata anche capocannoniere con 30 gol, tanto che sono stata selezionata per la Rappresentativa Siciliana. Ed a conferma della bontà della mia stagione ho ricevuto davvero moltissime richieste da diverse squadre, fino a quando non mi ha chiamata il presidente Mazzocca della Royal, chiedendomi se volessi fare il salto di qualità in Serie A. Ci ho pensato qualche giorno ed è arrivata poi anche la telefonata di  Ciccio Solito, anche lui mi ha ribadito il progetto della Royal e lì ho accettato la proposta”. Di che progetto ti hanno parlato? “Mi è piaciuto subito, intanto è una società seria: ho ricevuto molte informazioni positive sulla Royal e su tutto l’ambiente, in particolare sul calore dei tifosi, mi hanno tutti parlato di una società seria dove potrò crescere tanto. Per cui ho scelto la Royal perché mi sembra la squadra giusta dove potrò migliorare, sempre con l’aiuto di tutte le mie compagne e del mister”. Che Serie A ti immagini, tu che sarai all’esordio? “Sicuramente sarà un salto di qualità non indifferente: per me è stata una scelta difficile poichè avevo paura di sbagliare, inutile nascondersi, la Serie A è il massimo campionato e seguendo qualche gara in tv ho visto che si gioca ad un ritmo veramente alto. Ma tutto ciò non mi spaventa: il mio obiettivo è quello di fare bene, ovviamente inserita in un gruppo che cercherà di migliorare fin dal primo giorno. Ho conosciuto anche mister Ragona e ne ho tratto un’impressione positiva, il mio impegno sarà massimo e sono certa – conclude Furno – che insieme ci divertiremo e raggiungeremo i risultati prefissati”.

VIBO. Sarà il PalaPace di Vibo Valenti ad ospitare le prime gare del nuovo campionato, sperando nell’attivismo (finora assente) del Palazzo Comunale con la triade commissariale in testa e dirigenti e funzionari a seguire per dare il via ai necessari lavori del PalaSparti.

ESORDIO A ROMA. Dunque inizia a prendere forma la Royal Team Lamezia, che ha già pronti altri due colpi. Intanto è stata resa nota la prima giornata del campionato che inizierà il 7 ottobre, mentre a breve verrà diramato tutto il calendario. Esordio a dir poco impegnativo per la Royal che sarà di scena nella Capitale contro l’Olimpus Roma (scudettata due stagioni fa) il 7 ottobre. Laziali affidate quest’anno a mister Musci (dopo D’Orto) che schierano tra le altre Blanco e Pomposelli.

Ecco il programma della prima giornata: Breganze-Flaminia Fano; Kick Off Milano-Montesilvano; Lazio-Ternana, Grisignano-Falconara; Real Statte-Florentia; Salinis-Cagliari; Napoli-Bisceglie.