Cade la Farmacia Centrale Paola che perde in casa contro il Regalbuto (6-7) e vengono scavalcati in classifica dal Real Rogit vittorioso nel derby di giornata contro la Polisportiva Futura (1-3). Netta affermazione in casa per il Cataforio che con una prova corale dell’intero collettivo ritorna al successo battendo 8-3 il Mascalucia portando il bottino stagionale a 10 punti in una classifica dove comandano il Real Cefalù (27 punti) e il Signor Prestito (24). A inseguire le “nostre” calabresi Real Rogit e Farmacia Centrale Paola rispettivamente con 22 e 21 punti.

Asd Cataforio C5 RC- Mascalucia Ct 8-3

Marcatori: 4’19”pt Laganà (C), 10’22”pt Modafferi (C), 12’51”pt Marchese (M), 1’31”st, 2’02”st e 6’49”st Cilione (C), 3’01”st e 4’44”st Modafferi (C), 5’29”st e 10’39”st Bonventre (M), 18’47”st Scopelliti (C).

Vittoria doveva essere e vittoria è stata per il Cataforio. I reggini dominano per tre quarti di gara e centrano un meritatissimo successo. Mattatore dell’incontro è Nicola Modafferi, autore di una tripletta, lo stesso bottino di reti con le quali capitan Cilione, ha contribuito nella ripresa all’allungo decisivo del quintetto di mister Praticò. È la vittoria dei giovani, è l’exploit di quegli elementi capaci nello scorso torneo di U21, di sfiorare il titolo nazionale. Non da meno infatti sono state le performance dei vari Laganà, Ienari e Labate, oltre al “veterano” Parisi. Al delicato match il Cataforio si è presentato ancora orfano di Atkinson e Giriolo (il brasiliano era in panchina solo ad onor di firma) e Praticò schiera Durante, Laganà, Jener e Cilione davanti al portiere Parisi. Dall’altra parte il Mascalucia, reduce dal cocente 10-1 interno contro il CMB, cerca punti salvezza in terra calabrese e risponde con Casablanca tra i pali, Marchese, Finocchiaro, Nicolosi e Tornatore nei quattro di movimento. La partenza è tutta in favore dei reggini che ci provano dalla lunga con Durante, mentre i movimenti di Jener e Cilione risultano in ritardo a centro area sempre per una questione di millimetri. Il dinamismo di Laganà è difficilmente contrastato dalla difesa etnea che a 4’19” soccombe al gol proprio del guizzante numero 8, il primo stagionale. Mascalucia che tenta dalla distanza, con Parisi bravo su Nicolosi, mentre Scopelliti, Jener e Ienari da ottima posizione. Finocchiaro esalta ancora Parisi e sul capovolgimento di fronte, l’azione caparbia di Modafferi lo porta alla prima segnatura del pomeriggio ed al raddoppio bianconero. Da qui, gli ospiti salgono in cattedra mentre i locali arretrato il baricentro con un calo fisico, anche fisiologico dopo il grande ritmo adottato in avvio. Marchese va via sulla sinistra e fulmina Parisi riaprendo la gara ed il duello tra i due si ripropone nel prosieguo, ma ad uscirne vincitore è sempre il portiere reggino.

Anche Finocchiaro tenta di trovare il bersaglio grosso, mentre ben più nitide sono le occasionissime fallite da Tornatore a tu per tu con Parisi, sempre dal fronte mancino. In questi continui capovolgimenti di fronte, si arriva agli 11 secondi finali quando un discusso fallo fischiato contro il Cataforio, manda al tiro libero Marchese. Parisi tocca quel tanto che basta per mandare la sfera sul palo, la quale poi danza pericolosamente sulla linea di porta, prima che il portiere la blocchi ed eviti così il pareggio dei siciliani. Passata la paura, il Cataforio del secondo tempo torna in campo con il piglio giusto e con la giusta cattiveria agonistica e la doppietta di Cilione in poco più di due minuti (intramezzata dal palo di Marchese) ne è la fulgida riprova. Cataforio in trance agonistica e Mascalucia all’angolo, colpito duro come un pugile. I ragazzi di mister Praticò non si fermano e trovano altre due reti con Modafferi bravissimo ad eludere la difesa avversaria e violare il portiere Casablanca. Sul 6-1 Durante “cicca” l’unica azione difensiva della sua sontuosa partita e Boventre fulmina Parisi. Locali in controllo del match e da una rimessa di Parisi, si avvia un giro palla perfetto che porta Modafferi a smarcare a centro area Cilione che non deve fare altro che insaccare il punto del 7-2. C’è ancora spazio per il secondo gol personale di Bonventre e per i tentativi dalla lunga di Durante, Laganà e Parisi quando i siciliani hanno provato la carta del portiere di movimento. Quest’ultimo, Tornatore, nulla può sul bolide di Scopelliti, anche per lui primo centro stagionale, che chiude definitivamente i giochi. Si chiude dunque con i tre punti il girone di andata del Cataforio che giunge al giro di boa a quota 10. Martedì, serata “di gala” al “PalaMazzetto” per la sfida di Coppa Italia Divisione contro Eboli, formazione militante in Serie A.

ASD POLISPORTIVA FUTURA – REAL ROGIT 1-3

Marcatori: Cividini, Iozzino, Major (per Rogit). Federico (Per Futura).

Serviva la partita perfetta oggi per uscire indenni contro il Real Rogit. Partita perfetta è stata quasi per tutta la gara da parte dei ragazzi di mister Rinaldi ad eccezione di 30 secondi nel primo tempo quando fra 3.30 a 3.00 dalla fine subisce un uno due decisivo. Ci prova in tutti i modi a rimettere in piedi la partita la Futura ma una attenta difesa ospite evita in diverse occasioni di subire gol e in una ripartenza nella ripresa Menini sigla il 3 a 0. Veemente la reazione dei ragazzi di Motta San Giovanni che trascinati da un grande Federico trovano il gol dopo tre splendide parate di Soso sullo stesso Federico che riesce comunque a superarlo al quarto tentativo. Continua la pressione ma il Rogit controlla e il risultato finale non cambia. Rimane l amaro in bocca per l’ennesima buona prestazione che non porta punti. Complimenti comunque al Rogit, squadra forte in ogni reparto , ben guidata da mister Tuoto. Arriva la pausa a questo punto per preparare un grande girone di ritorno che inizierà proprio il 6 gennaio, a Lazzaro nella speranza che il palazzetto pieno spinga i ragazzi verso la vittoria. Buono l’arbitraggio. (Ufficio Stampa Futura).

FARMACIA CENTRALE PAOLA – REGALBUTO 6-7

Partita rocambolesca. Finale 6-7. Il Regalbuto si porta subito sullo 0-2 con portiere di movimento dal primo secondo. La Farmacia Centrale sfortunata con ben 5 pali colpiti in tutta la paritita, con la palla che non ne voleva sapere di gonfiare la rete. Recupero nel finale ma niente da fare. Estremo difensore ospite assoluto protagonista.

Fonte: calabriafutsal.it