Primi bilanci, aspettative e programmi di Nicola Mazzocca da cinque anni appassionato ed ambizioso presidente della Royal Team Lamezia, capolista con +6 sul Martina, +7 sul Napoli (avversario domenica in Campania) e +8 sulla Salernitana. Sempre supportato dalla moglie, l’altra presidente Claudia Vetromilo, ad una giornata dal giro di boa ecco una panoramica a 360 gradi, compreso mercato e Coppa Italia.

Presidente Mazzocca si aspettava questi vantaggi così cospicui sulle inseguitrici?

“Sinceramente no, puntavo sicuramente di fare un girone di andata nell’alta classifica, però essere   così avanti in vetta è una bella sorpresa. Merito di tutti: tecnici, dirigenti e tifosi ed un ringraziamento particolare a mia moglie Claudia, sempre presente nella vita societaria oltre che familiare”.

Cosa le è piaciuto di più di questo girone di andata?

“Il comportamento di mister Ragona, che gradualmente è riuscito ad assemblare la squadra a sua immagine e somiglianza, cioè molto aggressiva, e quindi sta ottenendo i risultati che speravo. Tra l’altro la sconfitta di Rionero invece che portare effetti negativi è risultata invece salutare poiché da lì in poi abbiamo reagito in modo positivo, infatti sono arrivate sette vittorie consecutive, un grande successo”.

Dopo l’exploit a Vittoria proprio Ragona rimandò a lei il quesito se era difficile tenerlo a bada…

“No, non è difficile gestirlo il mister: diciamo che ha un carattere un po’ particolare però è molto simpatico, vedo che ci tiene tantissimo. Ed onestamente a me piace come tecnico e come persona di valore, senza nulla togliere ai precedenti mister. E scusate l’immodestia, ho sempre indovinato la scelta dei tecnici: da Tulino che si è comportato benissimo, a Carnuccio, e quest’anno ho scovato Ragona che lo conosceva soprattutto il futsal maschile giovanile. E Ragona  sta avendo la giusta vetrina a livello nazionale. Insomma scelte azzeccate e credo non sia un caso, sempre con risultati eccezionali in questi tre anni di A viste le promozioni, i play off e l’ultima splendida Coppa Italia”.

Siamo in periodo di mercato: c’è stata una rimodulazione dell’organico e sono arrivate due nuove calcettiste. C’è da aspettarsi qualcos’altro?

“La rosa al momento è ridotta poichè diverse ragazze non fanno più parte della Royal per motivazioni varie. Abbiamo inserito il portiere Guerra ed il laterale Sabatino, che nell’esordio con Salerno ha già dimostrato di essere all’altezza e a breve lo sarà ancora di più quando avrà trovato la giusta condizione. E poi c’è un colpo in canna che dovremmo portare a termine a giorni, e di certo aumenterebbe ancor di più la qualità della Royal”.

A Napoli domenica un’altra prova del nove?

“Sarà una battaglia perché comunque loro essendo a 7 punti faranno di tutto per accorciare le distanze. Purtroppo abbiamo anche due defezioni importanti quali le squalificate Linza e Losurdo. Quindi dovremo lottare e triplicare le forze per cercare di portare a casa un risultato positivo”.

L’allargata società della Royal da questa stagione ha portato benefici?

“Sicuramente, con gli ingressi di Giovanni Chirico, Gino Barrilà e Armando Chirumbolo le responsabilità sono suddivise e personalmente mi sento più tranquillo, stiamo cercando di portare a termine alcuni progetti, speriamo di finire bene quest’anno e conquistare quel che tutti ci auguriamo ad aprile”.

Uno sguardo alla Coppa Italia che, contrariamente al passato, vedrà le gare di ‘qualificazione’ dal primo al quarto posto nella prima metà di gennaio. E poi le Final Four a marzo. E’ un altro obiettivo della Royal?

“Certamente. Essendo già aritmeticamente primi, giocheremo il 7 gennaio la semifinale contro la quarta classificata a fine girone di andata e l’eventuale finale il14 gennaio, contro la vincente tra seconda  e terza. Ci teniamo perché siamo comunque vice campionesse d’Italia avendo perso lo scorso marzo la finalissima col Sandos e quindi non possiamo accontentarci. Cercheremo quindi di arrivare alle Final Four probabilmente a Bari cercando di vincere. Chiedo fin da ora l’aiuto del nostro pubblico giocando entrambe le eventuali gare in casa”.

A proposito del pubblico, un aggettivo?

“Meraviglioso: ci sta dando una grossa mano. In particolare gli Ultras ci sostengono con tanta passione e sono veramente il nostro sesto uomo in campo. Sempre più persone mi chiedono di questo fenomeno-Royal, e fa piacere vedere il PalaSparti sempre più pieno, con spettatori di Lamezia ma anche dal circondario. Insomma la Royal va sempre più radicandosi nel territorio. Un’ulteriore riprova spero di averla proprio nella semifinale di Coppa Italia di gennaio. Intanto l’occasione è propizia per augurare a tutti Buone Feste a tutti”.

Insomma la Royal fa sempre più parlare positivamente di sé, essendo pure da un mese in vetta alla classifica. Qual è il riscontro verso la Royal dal Palazzo del futsal?

“Per noi è gratificante sapere di avere grande stima da parte della Divisione. Tutto ciò è nato soprattutto dallo scorso marzo dopo la splendida organizzazione delle Final Eight, dunque come società organizzata siamo ben visti”.