Due vittorie casalinghe, un pareggio ed un successo in trasferta. Questi gli epiloghi delle quattro gare di andata di Coppa Italia. Se sui campi di Crotone e Catanzaro i successi sono stati netti al punto di mettere una seria ipoteca sul passaggio del turno stessa cosa non può dirsi per i due match serali o forse è meglio dire solo per uno. Andiamo con ordine per incensare Kroton ed EnotriaFive che, con lo stesso ampio risultato hanno rimandato battute Amantea e Lamezia soccer. Autoritaria invece la sola vittoria in trasferta del Traforo che, confermando il rendimento delle recenti prestazioni necessita di due sberle del Bisignano prima di ridestarsi ed operare il sorpasso nei primi 12’ della ripresa. Decisamente più incerta la gara di Bovalino con il Futsal Polistena che, quasi a volere replicare l’andamento della gara di sabato scorso, per due volte rimonta il provvisorio vantaggio siglato da Zurlo rimandando la resa dei conti all’ultima sfida in quel di Polistena.

GLS KROTON – AMANTEA  5 – 1

Marcatori: 16′ L. Martino (KR), 20′ L. Martino (KR), 29′ Filice (AM), 33′ Cimino (KR), 38′ L. Martino (KR), 61′ Cimino (KR)

Troppo forte questo Kroton per il mesto Amantea. La squadra pitagorica con una impeccabile prestazione supera con un netto punteggio avverarsi abulici al punto di rischiare un passivo ben più ampio di subito in virtù dei quattro pali colpiti. Trascinata dall’esperto L. Martino il Kroton, dopo una inziale fase di studio rompe gli indugi concretizzando un micidiale uno-due. Gli ospiti provano a rimediare senza, tuttavia, riuscire a dare continuità alle loro sterili pressioni tranne che al 29’ quando i tirrenici, sfruttando alla perfezione l’errata fase difensiva dimezzano il risultato con Filice. Nel secondo tempo ci si aspetta una migliore disposizione tattica dell’Amantea ma, in avvio è il Kroton a colpire con Cimino. Nonostante mister Carnuccio disponga la squadra con il quinto uomo i locali, non rischiano praticamente nulla anzi continuando a dominare la scena realizzano il quarto gol. La timida reazione dell’Amantea non genera nulla di concreto mentre il Kroton, con fare sornione in pieno recupero assesta la quinta perla con Cimino mettendo una seria ipoteca sul passaggio del turno.

ENOTRIAFIVE CZ – LAMEZIA SOCCER  5 – 1

Marcatori: 12’ Carnuccio, 18’ M. Capicotto, 19’ M. Capicotto, 31’ Carnuccio, 50’ Chiaravalloti, 58’ Caffarelli (LS)

Prima piena soddisfazione per mister Lombardo che, grazie alla maiuscola prestazione dei suoi giocatori rimanda battuto il Lamezia soccer blindando l’approdo alla final-four. Dopo l’iniziale fase d’equilibrio nella quale i due estremi difensori si fanno trovare pronti i catanzaresi, pigiano sull’acceleratore sbloccando il risultato con Carnuccio abile nel ribadire in rete il tiro di Castanò respinto dal portiere Di Cello. L’Enotria prende in mano le redini del giuoco e su punizione rasoterra di bomber M. Capicotto raddoppia il vantaggio. Lo scatenato calcettista di casa dopo soli 60’’ colpisce ancora concretizzando la ripartenza di Carnuccio. Il pesante passivo induce il Lamezia ad alzare il baricentro di contro trovando l’altrui ferrea resistenza costretta a commettere il quinto fallo. Prima del riposo il Lamezia protesta per un presunto fallo non concesso dal direttore di gara archiviando di fatto i primi 30’. L’intervallo intorbidiscono i riflessi dell’estremo difensore ospite che, si fa sorprendere dal tiro dalla distanza di Carnuccio. Riorganizzate le fila i lametini, cercando invano di limitare il passivo. L’Enotria con una ineccepibile fase difensiva, rintuzzano gli assalti senza disdegnare repliche offensive. A 10’ dal termine Chiaravalloti indice il proprio cognome nel tabellino dei marcatori risolvendo una mischia nata da un calcio d’angolo. La gara sembra chiudersi sul risultato maturato ma, il Lamezia raccoglie le residue forze e grazie alla pronta reazione di Caffarelli su precedente tiro di Morelli, sigla la rete della bandiera.

BOVALINO – FUTSAL POLISTENA  2 – 2

 

Marcatori: 20′ Zurlo (BO), 29′ Calabrese (FP), 38′ Zurlo (BO), 40′ Ecelestini (FP)

A Bovalino arriva la capolista della serie C1 il Futsal Polistena, in un palazzetto gremito con quasi 200 spettatori presenti. Le due squadre si erano già incontrate sabato nel match di campionato. Un altro pareggio questa volta ridotto non abbandona gli Amaranto. Da segnalare il doppio vantaggio firmato da Zurlo. Ma i rosso verdi raggiungono il pareggio per ben due volte. Con Ecelestini e Calabrese. Il BC5 spreca tanto: un calcio di rigore e colpiscono una traversa. Al termine della gara le due società assieme ai Calcettisti si sono ritrovate in un terzo tempo unico nel suo genere, in un ristorante di Bovalino tutti insieme com’ era successo a Polistena sabato al palazzetto! (Bovalino C5)

BISIGNANO MAGIC GAMES – L.S. TRAFORO SPADAFORA GAMES  2 – 4

Marcatori: 8′ A. Bisignano, 10′ Mauricio Bier, 17′ Salerno (TR), 34′ Cosentino (TR), 42′ Aragon (TR), 45′ Aragon (TR)

Il match tra Bisignano Magic Games e LS Spadafora Games Traforo non ha tradito le attese del numeroso pubblico presente, con le due squadre che non si sono risparmiate per prevalere l’una sull’altra in una gara davvero intensa.

Alla fine a vincere è stata la compagine di mister Madeo, che si è dimostrata cinica e spietata nel concretizzare le occasioni avute, fornendo nel contempo una prestazione di grande personalità.

Il Bisignano dal canto suo non ha affatto demeritato, conducendo un gran bel primo tempo e passando sul doppio vantaggio grazie alle reti di Andrea Bisignano e Mauricio Bier. Il Traforo si svegliava e accorciava le distanze grazie a Salerno, ma poi i padroni di casa avevano l’occasione per il 3-1, non sfruttata a dovere.

Nella ripresa gli stessi subivano un calo viste anche le poche rotazioni a disposizione di Barbuto (contro il Traforo mancava un elemento fondamentale come Carmine Bisignano, squalificato) e i rossanesi ne approfittavano per ribaltare l’inerzia del match grazie a Cosentino e soprattutto alla doppietta del “gioiellino” spagnolo Aragon, chiudendo sul 4-2.

Al Bisignano, al di là del risultato negativo, resta un’altra buona prestazione complessiva e la certezza di aver ritrovato un giocatore che in questa C1 può rivelarsi decisivo come Gil.

Fonte: calabriafutsal.it