Passano al Pala S. Andrea le ragazze di mister Podda, brave a gestire gli episodi a proprio vantaggio,
rimanendo sempre in testa alla gara. Vantaggio ospite con la fuoriclasse Peque che sorprende Cacciola –
oggi meno insuperabile del solito – con un tiro dalla distanza.Pari immediato delle Guerriere: Soto serve
Giuliano che insacca. Cagliari di nuovo in vantaggio con Milena Gasparini, ma prima del riposo, le calabresi
colpiscono due pali, con Marino e Giuliano. La nazionale calabrese Violi ha dovuto lasciare il campo per un
infortunio al setto nasale, frattura scomposta ridotta all’Ospedale di Catanzaro, ne avrà per trenta
giorni.Nella ripresa, la partita si fa avvincente, le due squadre si affrontano a viso aperto con continue
azioni da goal. Asse tra Marino e Giuliano, palla in mezzo per la conclusione volante di Soto, che pareggia i
conti, 2 a 2.Dagli sviluppi di una punizione – deviata con sfortuna dalla Lokrese Lioba nella sua rete – arriva il
nuovo vantaggio del Futsal Cagliari. Finita qui? Assolutamente no. Calcio d’angolo della stessa Lioba e
Giuliano al volo da fuori area non fallisce il 3 a 3, settimo goal in campionato in altrettante gare e una
conferma: il Boss è tornato! Ma le ragazze di Podda dimostrano di avere una tenuta psicologica da grandi
campionesse, ciniche e determinate, vanno a segno con Gaby, e poi con Marta, in una convulsa azione
molto contestata.Risultato finale 3 a 5. Alle ragazze di Mardente resta la sensazione di aver pagato troppo
alcuni episodi sfortunati, proprio perché consapevoli della forza delle avversarie. Testa alla prossima partita
in terra veneta, per avere una conferma del modulo, con la speranza che il bel gioco stavolta si porti dietro i
tre punti.