di Gianni Tripodi – Reazione d’orgoglio della Mood Project che dopo due bruttissime sconfitte consecutive (Catania e Valmontone) torna alla vittoria e lo fa in maniera convincente. Al PalaCalafiore, nel recupero della ventiduesima giornata di campionato i neroarancio sconfiggono la IUL Roma (62-57) al termine di un match dal punteggio basso e dalle tante interruzioni dovute ai fischi del duo arbitrale. Senza capitan Matteo Fallucca, ancora alle prese con la fascite plantare (la prossima settimana sarà a Roma per approfondimenti) e Filippo Alessandri, costretto ad abbandonare il parquet per una brutta botta alla testa poi recatosi all’ospedale con l’ambulanza accompagnato dal dottore Calafiore, il team di coach Mecacci stringendo i denti e con tanta determinazione porta a casa un successo importantissimo. Sospensione del match da parte degli arbitri a 4’20” dal termine del terzo quarto per l’assenza del dottore Calafiore dalla panchina, un malinteso poi risolto con tanta confusione, ottima prestazione per Vittorio Nobile da 19 punti con il 54% dal campo. I nero arancio salgono a quota 29 punti posizionandosi al settimo posto in classifica in piena lotta playoff a sette giornate del termine del campionato con ben sette punti di distacco dalla nona posizione. Domenica prossima big match al PalaCalafiore, alle 18 arriverà la capolista Caserta, è atteso il pubblico delle grandi occasioni.

Recupero 22° Giornata Serie B Old Wild West Girone D

Mood Project Viola Reggio Calabria – IUL Basket Roma 62-57

Parziali: 13-13, 30-23, 40-38, 62-57

Mood Project Viola Reggio Calabria: Ciccarello ne, Alessandri, Grgurovic ne, Fall 11, Fallucca ne, Agbogan 11, Carnovali 7, Paesano 7, Nobile 19, Vitale 7, Muià ne

Coach: Matteo Mecacci

Assistenti: Giuseppe Trimboli e Pasquale Motta

IUL Basket Roma: Casale 7, Piccinini 2, Maresca 9, Scuderi 1, Galli L, 3,Galli A., Sperduto 2, Padovani, Cecchetti 16, Lestini 17

Coach: Renato Sabatino

Scontro fortuito tra Lestini e Alessandri a 40” dall’inizio del match con quest’ultimo costretto ad uscire dal parquet, mani fredde in avvio per entrambe le squadre, è Cecchetti a rompere il digiuno, Fall ad impattare dalla lunetta (2/2) dopo i primi 3’ di gioco. Vitale e Fall per il primo allungo neroarancio ed è timeout Sabatino, 6-2. La Viola inizia a prendere le misure, Paesano e la tripla di Agbogan per l’11-4, buona difesa per il team di coach Mecacci, rientra Alessandri sul parquet, 13-6. Fiammata ospite con Lestini e Cecchetti che riescono ad impattare sul 13-13. Secondo quarto: Nobile risponde a Maresca, Roma prova ad andare avanti, gioco da tre punti di un ispirato Nobile e si torna in parità sul 18-18. Tripla di Carnovali ad entusiasmare il PalaCalafiore, tecnico ad Agbogan per simulazione e il match si surriscalda, Paesano da sotto per il sorpasso, 26-21. Vitale e Carnovali per il +7 e si va all’intervallo, 30-23. Terzo quarto: Tripla di Nobile in avvio, mentre Alessandri viene portato all’ospedale con l’ambulanza ad inizio terzo quarto, Roma prova a ridurre il gap con Cecchetti, serve la tripla di Vitale ad allontanare la rimonta ospite, 38-29. Con Lestini e Galli Roma ricuce lo strappo per il -2, tecnico a Carnovali per simulazione, Lestini e Agbogan per il 40-38. Quarto quarto: Lestini e Sperduto per il 42-42, la gara si infiamma con la tripla di Nobile e il gioco da tre punti di Maresca,  la Viola vola con Nobile e Fall e tocca il +6, tripla senza ritmo di Casale del -3. I neroarancio corrono e trovano l’allungo con Nobile, il gioco da tre punti di Cecchetti per il -4 a 1’24” dal termine. Viola sul +3 a 28” dal termine con possesso Roma, Cecchetti sbaglia e Agbogan chiude dalla lunetta (2/2), finisce 62-57.