Il prossimo avversario sarà Costa d’Orlando, squadra già affrontata in precampionato ma profondamente cambiata durante questa prima parte di stagione. Coach Matteo Mecacci presenta così la trasferta siciliana:

“Un avversario difficile perché la classifica non rispetta il reale valore della squadra, hanno rimediato sette  sconfitte ma hanno dovuto cambiare gli equilibri del proprio roster rinunciando a Marinello, che era il loro miglior realizzatore, per inserire Gambarota che ha caratteristiche diverse. Il loro campionato è stato sfortunato, almeno in tre gare non hanno raccolto un successo solo per dettagli. E’ una squadra solida che fa della fisicità del proprio quintetto la propria arma migliore. Un reparto interni con Bortolozzi e Di Coste è di assoluto valore. Sono ben allenati anche perché il lavoro degli allenatori va valutato in base alla crescita che fanno fare ai singoli elementi e Condello è stato bravo in questo”

Fallucca, Fall, Nobile, che notizie arrivano dall’infermeria ?

“Sono tutti e tre convalescenti ma cercheremo di recuperarli per avere un pò di rotazioni in più. Abbiamo giocato un infrasettimanale solo pochi giorni fa, i ragazzi stanno provando a fare uno sforzo supplementare per esserci. In caso contrario sopperiremo grazie al lavoro collettivo”.

La Viola è attesa da un mese forse decisivo con tanti scontri diretti.

“Noi dobbiamo pensare a Costa. Negli scontri diretti si alza il livello di competitività  e difficoltà ma è proprio attraverso queste gare, su campi difficili contro squadre alla ricerca di punti salvezza, che si può fare la differenza. La stessa Matera ha perso proprio al “PalaValenti” a dimostrazione che non ci sono gare semplici”.

In chiusura un giudizio sulla situazione societaria

“Va dato merito al lavoro di tutti. Stiamo vedendo come attivamente si stiano impegnando i tifosi, il Comitato e l’Amministrazione. C’è la chiara volontà di dare stabilità economica, aspettiamo che arrivi la nomina del liquidatore per programmare il futuro”.