di Gianni Tripodi – C’è un campionato da proseguire e portare al termine. Difficile giocare una partita di basket quando arrivi da una settimana di delusione e rabbia per una decisione, quella del Tribunale Federale, che nonostante i 32 punti conquistati dall’inizio della stagione, con un sesto posto che significava playoff, guardi la classifica e ti vedi ultimo con un impietoso -2. Domani pomeriggio alle 18 al Pala Moncada, i nero arancio saranno ospiti di Agrigento ancora in piena lotta playoff, quei playoff che la Viola aveva già matematicamente conquistato domenica scorsa con la vittoria contro Trapani, ma che purtroppo, non li giocherà mai. Il team di coach Calvani ha dimostrato sul parquet di essere tra le prime otto del girone, al di là della vicenda fideiussione che li ha pesantemente penalizzati e di cui si attende ancora un “miracolo” nel secondo grado di giudizio che possa in qualche modo ridurre quel -34, perché se non dovesse arrivare la Viola crollerebbe in serie B dopo i tanti sacrifici. Ad Agrigento i nero arancio cercano la vittoria dell’orgoglio, per dimostrare, se ancora ce ne fosse bisogno, che è una squadra da vertice. L’avversario – La Moncada cerca i playoff, arriva a questo match dopo aver battuto Napoli (93-86) tra le mura amiche e spera di poter bissare il successo contro i reggini. Il team dell’esperto coach Franco Ciani schiererà un quintetto composto da Ambrosin (9.9), gli esterni Evangelisti (12) e Williams (12.2) mentre sotto canestro il duo di lunghi sarà composto da Cannon (15.7) e il centro classe 95 Giacomo Zilli (7.2). Tra gli altri in panchina l’ex Tommaso Guariglia (5.7). Precedente – Nella gara d’andata giocata al Pala Calafiore la prestazione di Fabi e compagni fu sontuosa, i siciliani privi di Evangelisti affondarono sotto i colpi di una super Viola subendo un pesante passivo di ben 32 punti (96-64) con sugli scudi uno strepitoso Christopher Roberts da 23 punti. Al Pala Moncada saranno presenti tantissimi tifosi reggini che non hanno nessuna intenzione di mollare i propri beniamini e anche in terra siciliana si faranno sentire, assente Aj Pacher dopo la brutta botta subita contro Trapani, il team di coach Calvani è ferito, ma lotterà, come ha sempre ha fatto dall’inizio della stagione, palla a due domani alle 18.