di Gianni Tripodi – Si torna sul parquet. Domani alle 18 al Pala Mangano di Scafati i nero arancio affronteranno la seconda forza del torneo in una sfida dall’altissimo coefficiente di difficoltà. E’ un momento difficile per il team di coach Calvani, nel turno infrasettimanale di giovedì contro Cagliari è arrivata la seconda sconfitta consecutiva dopo quella della settimana scorsa a Rieti. Ma cosa è successo? Le cinque vittorie di fila di cui l’ultima ottenuta contro la capolista Casale Monferrato avevano rilanciato la Viola in zona playoff, era tornato il grande entusiasmo e Fabi e compagni avevano espresso sul parquet un gioco di grandissima qualità, improvvisamente però è arrivato un calo inspiegabile. Il gruppo dovrà tornare alla svelta ad essere unito e compatto, servirà una reazione d’orgoglio immediata ripartendo dalla difesa, imbarazzante quella contro Cagliari (93 punti subiti). Contro Scafati la Viola dovrà dare tutto, cercando di replicare la loro intensità per competere dal punto di vista fisico, che è uno dei punti di forza del team campano e stare attenti nel controllo delle palle perse, mantenendo equilibrio senza subire break importanti che potrebbero rivelarsi letali. L’AVVERSARIO Scafati è la squadra più in forma del campionato, arriva da cinque vittorie consecutive e si trova al secondo posto della classifica a quota 28 punti. Tra le mura amiche il team di coach Perdichizzi esprime una pallacanestro fatta di aggressività ed energia, può contare su un roster di altissimo livello completo in ogni reparto. Nello starting five l’americano Brandon Sherrod (16 punti e 10.6 rimbalzi), gli esterni Spizzichini (9.2) e Santiangeli (8.7) con l’ex di turno Marco Ammanato (6.7) e l’inglese Andrew Lawrence (18.9). In panchina Nicholas Crow (8.7) e Alex Ranuzzi (7.1). PRECEDENTE – Nella gara d’andata giocata il 5 novembre, Scafati cadde al Pala Calafiore (66-54) sotto i colpi di un ritrovato Patrick Baldassarre che chiuse con 16 punti e il 64% dal campo. Grande protagonista del successo fu la difesa di Calvani che costrinse i campani a soli 54 punti realizzati di cui solo 7 nell’ultimo quarto decisivo. Con la sconfitta di giovedì sera i nero arancio si sono fatti superare in classifica da Cagliari che li ha spodestati dall’ottavo posto valido per ‘accesso ai playoff. Contro la corazzata Scafati la Viola ha comunque l’obbligo di provarci, si attendono conferme da Aj Pacher dopo l’ottima prestazione di giovedì (28 punti e 9 rimbalzi) e un cambio di rotta da parte di Chris Roberts (13 punti con il 13% dalla lunga). Servirà una prestazione di grande intensità sui due lati del parquet con gli occhi della tigre, assenti negli ultimi due incontri, palla a due domani alle 18, provaci Viola!