di Gianni Tripodi – Non fermatela! I nero arancio espugnano il Pala Tiziano di Roma battendo i padroni di casa della Virtus (70-74) ottenendo così il quarto successo consecutivo. Una vittoria al cardiopalma arrivata solo negli ultimi secondi finali, con grande sofferenza il gruppo di coach Calvani messo ancora una volta alla dura prova a causa dell’assenza di Chris Roberts (pronto a rientrare la prossima settimana) è riuscito, con la forza dell’orgoglio a conquistare i due punti. E’ servito il contributo di tutti, da Riccardo Rossato (13 punti) al giovanissimo Allen Agbogan (6 punti e 2 palle recuperate) con Aj Pacher “solito” grande trascinatore dei suoi con 21 punti. Dopo un buon avvio di match giocato ad alti ritmi con Pacher e Rossato grandi protagonisti, i nero arancio, complici anche il minutaggio limitato di Rossato già con tre falli dopo i primi 20’ di gioco, si fanno raggiungere e superare dai capitolini guidati dal duo americano Roberts – Thomas e si va negli spogliatoi sul 41-38. Dal rientro sul parquet l’energia del giovanissimo Agbogan e la super difesa di Calvani consentono alla Viola di riprendere in mano il pallino del match, Pacher è il grande trascinatore (20 punti) e si va all’ultimo quarto sul +3. Baldassarre e Benvenuti a firmare il massimo vantaggio +9, ma i padroni di casa sostenuti dal pubblico del Pala Tiziano rimangono attaccati, la Viola è frettolosa ed imprecisa nel voler subito chiudere i conti, Chessa riporta i suoi sul -6 a 3’ dal termine. I due canestri consecutivi di Caroti sono di capitale importanza (+8), Roma rientra prepotentemente nel match con la tripla di Landi del -3 a 44” dal termine. Palla persa da Caroti e antisportivo fischiato a Rossato (quinto), Landi fa 1/2 dalla lunetta per il 70-72 a 29” dal termine, Roberts sbaglia il canestro della parità, rimbalzo di Fabi che subisce il fallo antisportivo da Landi e fa 1/2, sul 70-73 fallo sistematico di Roma su Pacher che chiude i conti dalla lunetta, finisce 70-74, la Capitale è espugnata, sono 4! Una vittoria che consente alla Viola di salire a quota 18 punti in classifica in piena zona playoff, prossimo turno domenica 28 gennaio al Pala Calafiore contro la capolista Casale Monferrato.

17° Giornata – Serie A2 – Old Wild West – Gir. Ovest

Virtus Roma – MetExtra Viola Reggio Calabria 70-74

Parziali: 18-23, 41-38, 55-58, 70-74

Arbitri: Alessandro Tirozzi (Bologna), Claudio Di Toro (Perugia) e Andrea Valzani (Martina Franca)

Virtus Roma: Roberts 17, Maresca 4, Baldasso 2, Thomas 19, Chessa 9, Vedovato 2, Lucarelli ne, Landi 17, Basile ne, Donadoni ne

Coach: Luca Bechi

MetExtra Viola Reggio Calabria: Pacher 21, Caroti 6, Fabi 6, Agbogan 6, Baldassarre 9, Carnovali 4, Rossato 13, Benvenuti 7, Taflaj 2, Roberts ne

Coach: Marco Calvani

 

Quintetto iniziale rivoluzionato per la Viola con Agbogan, Rossato, Carnovali, Benvenuti e Pacher, partono invece dalla panchina Caroti, Fabi e Baldassarre. L’avvio di gara dei nero arancio è aggressivo con Pacher subito protagonista con due canestri consecutivi per il 4-0 dopo 2’ di gioco, i padroni di casa si affidano alle giocate da sotto di uno scatenato Landi (3/3) che tiene le due squadre a contatto, secondo fallo per Benvenuti, ci pensa un propositivo Rossato (6 punti con 3/4 al tiro) a ridare slancio ai suoi, sul 12-15 arriva però il timeout di Calvani. Roma va avanti con i primi punti di Roberts e Chessa (+1), dura poco però, la Viola lotta su ogni pallone e sorpassa i capitolini con la tripla di Fabi, Roberts soffre la pressione difensiva di Baldassarre che realizza la tripla del +5, 18-23. Secondo quarto: La Virtus cerca frettolosamente di ridurre lo svantaggio, entra in partita Tommaso Carnovali con due canestri dalla media distanza a dare sei lunghezze di vantaggio ai suoi, timeout Bechi sul 22-28. Terzo fallo per Rossato, si raffreddano le mani dei nero arancio (3/11 dalla lunga) e i padroni di casa ne approfittano con il duo americano Thomas – Roberts a caricarsi la squadra sulle spalle per il +6, 35-29, Viola in netta difficoltà. E’ Pacher a rompere il digiuno da sotto, la prima tripla del match di Roma con Thomas è pesantissima perché arriva nel momento in cui i nero arancio stavano cercando di reagire. Fiammata del giovanissimo Agbogan che ruba palla e segna subendo il fallo di Vedovato, parità a quota 38, la tripla di Landi allo scadere per il +3 Roma e si va negli spogliatoi. Terzo quarto: Dal rientro sul parquet Roberts a colpire da sotto, risposta immediata con Pacher dall’altra parte per il -2, buon momento per Roma che allunga con Thomas, 45-41. Tripla del giovanissimo Agbogan ad esaltare la panchina nero arancio del -1, la gara si accende con le due squadre a rispondere colpo su colpo (49-48), la Viola difende fortissimo e con Pacher (20) e Rossato va sul +3, 51-54. Bechi rimette dentro Roberts, ma i nero arancio corrono senza voltarsi indietro, Benvenuti e Pacher costringono Bechi al timeout, 55-58. Quarto quarto: Chessa e Rossato scaldano la mano, primo allungo della Viola con Baldassarre e Fabi per il +7, Bechi è furioso. Benvenuti per il massimo vantaggio (+9), Fabi e compagni a forzare le conclusioni, Roma non molla la presa e punisce la difesa nero arancio con la tripla del -6 a 3’47”. Due canestri importantissimi di Caroti per il +8, i padroni di casa riescono ad arrivare con la tripla di Landi sul -3 a 44” dal termine. Palla persa da Caroti e antisportivo fischiato a Rossato (quinto), Landi fa 1/2 dalla lunetta per il 70-72 a 29” dal termine, Roberts sbaglia il canestro della parità, rimbalzo di Fabi che subisce fallo antisportivo da Landi e fa 1/2, sul 70-73 fallo sistematico di Roma su Pacher che chiude i conti dalla lunetta, finisce 70-74.