di Giuseppe Calabrò – C’è delusione per il mancato successo contro la Bovalimese, soprattutto per quanto visto nei secondi 45

minuti di gioco. Mister Antonucci però deve trovare l’assetto definitivo al complesso, con chiarezza e

determinazione . Altrimenti… diventa decisiva la gara interna contro il fanalino di coda Cutro.

Antonucci rischia? Soli nove punti in 11 gare. Contro la Bovalinese ha cambiato più volte modulo tattico,

dal 4-3-3 al 4- 2- 3- 1, Peppe Marcianò inizialmente a metà campo poi di nuovo in difesa, in ritardo anche

le sostituzioni. Si recrimina anche per il netto fallo da rigore su Blansten non concesso, è l’ennesimo errore

arbitrale subito in questa stagione.

E’ il primo punto del 2019, la compagine non ha subito reti contro gli ionici di Bovalino, è compagine

rinnovata che deve amalgamarsi ma ha fretta di far punti per risalire la china. Non è facile liberarsi di paure

ed apprensioni, ma si deve agire in serenità e tranquillità senza assilli.

Ancora un appuntamento interno per il rinnovato Gallico Catona che ospita il pericolante Cutro.

Un Gallico Catona che intende far propria l’intera posta in palio per uscire fuori dalle secche della

graduatoria. Sono state colmate le lacune difensive con gli arrivi di Dario Neri, Classe 2000, un ritorno e in

attacco con l’argentino Blanstein. Di sicuro affidamento il centrocampista Herrada , il reparto di metà

campo conta anche di Peppe Gioia.

A Cutro all’andata ci fu l’acuto del Gallico Catona ( per il momento è l’unico exploit esterno), è favorita nel

pronostico la formazione di mister Antonucci.

Stavolta i tre punti sono decisivi…. Niente più errori o errate interpretazioni tattiche.