Comincia con un pirotecnico 4-1 il campionato del Roccella; un poker che regala emozioni, gol e spettacolo ai circa 500 del “Ninetto Muscolo”, grazie alle ottime prestazioni della squadra di Giampà sin dalle prime battute. Scioccante, infatti, l’avvio: tre reti in meno di un quarto d’ora per la formazione jonica, capace di penetrare con estrema facilità sugli esterni e a trovare le zampate vincenti di Santoro, Catalano e Kargbo. A nulla è valsa la reazione ospite, seguita dal gol di Longo al 22′.

LA CRONACA. Giampà nel suo 3-4-3 deve far fronte alle squalifiche di Faella e Rondinelli e all’assenza di Sicurella, bloccato da un infortunio in settimana e nemmeno convocato. Spazio, dunque, per Vuletic a destra e per Santoro al centro del tridente. Dopo neanche un minuto, è proprio l’ex Catania a sbloccare il match, grazie ad un perfetto anticipo su Varchetta che non lascia scampo a Casolare.

La partenza è tutta di marca amaranto e nel giro di pochi minuti i padroni di casa vanno addirittura sul 3-0: prima Kargbo serve elegantemente Catalano, dopo aver saltato Marotta, poi è l’ex giocatore della Lupa Roma a restituirgli il favore con un traversone perfetto dall’out di destra.

La Turris prova a rimettersi in carreggiata al 18′ con Cunzi, ben imbeccato in area dai suoi compagni, ma Scuffia neutralizza la sua conclusione.

Il ritmo è altissimo, non si fermano le emozioni e dopo un altro bell’intervento del portiere amaranto su Celiento, arriva il gol del 3-1 corallino, grazie al colpo di testa di Longo sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

L’ex Cerignola, galvanizzato dal gol, ha subito un’altra occasione: lancio di Celiento per il proprio numero 9, sinistro secco al volo, ma Scuffia gli nega la gioia della doppietta. Nonostante un buon ritmo degli ospiti nella seconda parte del primo tempo, è il Roccella a sciupare, a pochi secondi dal duplice fischio, una ghiottissima chance con Kargbo, che dopo un pazzesco coast to coast cilecca il tiro con il destro davanti al portiere.

Nel secondo tempo, è dai piedi di Celiento che nascono due grandi opportunità non sfruttate dagli ospiti al 56′ e al 60′, ma ancor più incredibile è l’occasione sciupata dal neo entrato Gattabria, dopo l’ennesima sgaloppata di Kargbo: palla dentro del sierraleonese per il classe ’98 che a porta completamente sguarnita manca l’appuntamento con il gol. Una rete che comunque non si fa attendere molto: Kargbo da un’ottima mattonella prima provoca l’espulsione di Varchetta, poi è bravo e fortunato a trovare la deviazione su un calcio di punizione che permette ai suoi di portarsi nuovamente sul triplo vantaggio. Il 4-1 chiude definitivamente la pratica e porta i primi tre punti stagionali ad un ottimo Roccella.

Ecco il tabellino della gara:

ROCCELLA – TURRIS 4-1

ROCCELLA: Scuffia, Cordova, Malerba, Osei, Strumbo, Catalano (32’ st Tassone), Vuletic (37’st Deluca), Voltasio, Dicuonzo (39’pt Gattabria), Kargbo (40’st Filippone), Santoro (19’st Riitano). All. Giampà

TURRIS: Casolare, Esempio, Marotta (13’st Messina), Franco (1’st Aliperta), Varchetta, Di Nunzio, Vacca, Auriemma, Longo, Cunzi (20’st Signorelli), Celiento. All. Grimaldi

ARBITRO: Madonna di Palermo (Assistenti Spina e Gargano di Palermo)

MARCATORI: 1’pt Santoro (R), 11’pt Catalano (R), 14’pt, 35’st Kargbo (R), 21’pt Longo (T)

NOTE: osservato un minuto di raccoglimento per la scomparsa nei giorni scorsi del roccellese Francesco Sotira, ex giocatore del Roccella. 500 spettatori circa. Ammoniti: Scuffia, Dicuonzo, Kargbo, Varchetta, Celiento. Espulso Varchetta al 34’st per somma di ammonizioni. Recupero: 3’,4’