ACRI-TREBISACCE 0-5 20’st

Marcatori: 1’pt e 45’pt Galantucci, 25’pt Cosentini, 40’pt Maio, 18’st Pensabene

Due squadre con una preparazione diametralmente opposta e, sulla base di questo fattore, il Trebisacce si fa valere e fa la voce grossa in casa di una blasonata di questa categoria. Il 5-0 finale in casa di un Acri ancora incompleto nella rosa e non ancora pronto sul piano fisico, consente ai Delfini di iniziare con il botto il proprio cammino nel campionato di Eccellenza edizione 2018-2019. Da sottolineare comunque, nonostante tutte le problematiche, lo spirito battagliero dei rossoneri che non hanno mai mollato fino alla fine ed a loro ed alla società gemellata con quella del Trebisacce, va il giusto plauso.

Pronti via e dopo neanche 60” Galantucci trova il vantaggio per i suoi, schierati per l’occasione con il completo giallonero. Nel monologo giallorosso, c’è il palo colpito da Pensabene cui fa seguito il raddoppio di Cosentini con un gran tiro da fuori area. Siamo al 25′ ed il Trebisacce è già avanti di due reti. Altro “legno” che viene colpito stavolta da Cannitello che fa da antifona alla terza segnatura che porta la firma di Maio. Trascorrono cinque minuti appena e Galantucci si regala la doppietta personale (5 gol in 3 gare ufficiali per il capitano) per lo 0-4 che decide il primo tempo.

Con il largo vantaggio acquisito, il Trebisacce abbassa i ritmi ma riesce a trovare ugualmente anche la quinta segnatura. Il tiro di Pensabene risulta vincente non senza la complicità del portiere locale. Pura accademia fino al termine della partita che sancisce i primi tre punti per i Delfini e c’è modo anche per il portiere Martino di esaltarsi su un calcio di punizione prima e su un’uscita bassa poi, dimostrandosi pronto e reattivo nonostante il largo parziale di vantaggio dei suoi.

A fine gara, mister Malucchi, ha così commentato: “La cosa positiva, al di là dei tre punti, è stato l’approccio e la mentalità con la quale siamo scesi in campo. Devo elogiare tutto il gruppo, sono contento di tutti, perché i ragazzi hanno dimostrato sin dal pre-gara la giusta voglia e determinazione, trasmettendola poi in campo. Ottimo primo tempo, dove abbiamo sbloccato subito, segnato 4 gol e colpito anche due pali. Nella ripresa c’è stata una piccola flessione mentale, comprensibile, ma che non ha comunque fatto venire meno la voglia di giocare e di stare ordinati in campo da parte nostra. La squadra sta crescendo giorno dopo giorno, seppure qualcuno deve ancora raggiungere la migliore condizione fisica e, al di là degli avversari che abbiamo incontrato in queste prime tre uscite ufficiali, credo che le vittorie servano per proseguire al meglio il completamento del rodaggio iniziale, tipico per una squadra che, come la nostra, ha cambiato molto negli uomini rispetto alla scorsa stagione. Domenica prossima affronteremo il Bocale e mi attendo tutt’altra partita, per una sfida che di già potrebbe essere per noi una prova del nove. Galantucci? Non ci sono più aggettivi per definirlo. Si sposa bene con i meccanismi tattici, con il gruppo e con l’ambiente di Trebisacce. Ho il piacere di averlo in squadra non solo per le doti tecniche ma anche per quelle umane e, ovviamente, un calciatore esperto come lui rappresenta una grossa mano di aiuto per qualsiasi allenatore direttamente in campo. La cosiddetta chioccia”.