PROMOSPORT LAMEZIA – SAMBIASE LAMEZIA 0–6

PROMOSPORT: Caratozzolo, Saladino, Torcasio, Cristaudo, Longo (18’ st Liotti), Denisi (44’ pt Molinaro), Villella, Decio, Procopio (8’ st Gullo), El Hafa, Gualtieri (22’ st Catanzaro). PANCHINA: Sacco, Gaetano, Mercuri. ALL: Gabriele.

SAMBIASE: Cristofaro, Trinchi, Serra, Marrello (33’ st Liparota), Condito, Grande, Bernardi (44’ st Martello), Diop (33’ st Gatto), Perri (33’ st Piluso), Cefalà, Mahfoud (27’ st Morelli). PANCHINA: Cerra, Pungitore. ALL: Fanello.

ARBITRO: Sig. Idone di Reggio Calabria coadiuvato dagli assistenti Celestino e D’Agostino entrambi di Reggio Calabria.

MARCATORI: 10′ pt Diop, 37′ pt Bernardi, 11′ st Bernardi, 16′ st Grande, 31′ st Perri rig., 32′ st Perri

NOTE: circa 700 spettatori. Ammoniti Denisi (P), Gullo (P), Saladino (P), Trinchi (S). Recupero 2’ pt e 4’ st.

Brutta battuta d’arresto per la Promosport che perde sonoramente in casa per 6 a 0 nel derby contro il Sambiase. Una partita in cui i biancoazzurri sembrano essere scesi in campo con il corpo ma non con la mente. È facile per il Sambiase avere la meglio contro un avversario contratto e privo di idee nonostante la stessa Promosport venisse da prestazioni molto positive soprattutto la scorsa settimana in quel di Corigliano. Evidentemente, c’è ancora tanto da lavorare dal punto di vista della personalità e del carattere dato che dal punto di vista tecnico e atletico la squadra sicuramente non può permettersi queste brutte figure. Con due gol nel primo tempo e quattro nel secondo il Sambiase si porta a casa il derby e i 3 punti che gli permettono di salire a quota 11. La Promosport resta fissa a 3 punti in classifica. “Siamo rammaricati per il risultato ma ancor più per la prestazione. – afferma il D.G. Promosport, Giovanni La Gamba – Ci potrebbe stare perdere contro un avversario costruito per vincere la categoria ma sicuramente non in questo modo. Abbiamo fatto poco o nulla per contrastare l’avversario come invece era accaduto la scorsa settimana contro il Corigliano anch’essa squadra di categoria superiore quando andammo vicini al pareggio che forse sarebbe stato il risultato più giusto. Spero che partite del genere non ne vedremo più. E lo spero principalmente per i ragazzi stessi i quali devono impegnarsi di più e scendere in campo con più personalità. È da batoste come queste che spesso si riescono a raggiungere traguardi importanti. Possiamo definire la partita di ieri un incidente di percorso. E posso dire che da un confronto tra mister, squadra, staff e dirigenza c’è forte voglia di andare avanti e di riscattarsi presto”.