La cerimonia del Coni Calabria tenutasi venerdì 22 febbraio 2019 illumina di storia, tradizione ed impegno la palla a spicchi calabrese.
La sala Federica Monteleone del Consiglio Regionale “bolle” di nero-arancio grazie alla presenza del Giudice Giuseppe Viola, del figlio Andrea, del sempre operativo Tito Messineo ed, ovviamente, del protagonista della nostra nota stampa.
C’era una volta la Cestistica Piero Viola ed un movimento giovanile da urlo.
A capo di questo settore giovanile da urlo c’era lui, motore instancabile delle magliette di cotone con il logo del pescespada.
Operativo, vincente e fondamentale a Reggio Calabria. Incredibile anche a Catanzaro dove potrò pazienza, competenza ed impegno nella sua breve ma ricordata apparizione.
Dirigente Fip per tantissimi anni anche se, tutti lo ricordano con il nero-arancio giovanile nel cuore con tanto di scudetto Cadetti vinto nel 2005 con il Pg Modena in quel momento di eccellenza ed altezza sublime per tutto lo sport meridionale.
Rocco Falcomatà ha ricevuto la Stella D’Oro del Coni per l’anno 2018.
Due cicli olimpici da Dirigente Coni. Ha fatto parte della giunta provinciale coordinata dal compianto Presidente Filocamo.
Il riconoscimento, è stato rilevato nella comunicazione proveniente da Roma e firmata dal presidente Giovanni Malagò  assegnato per le benemerenze acquisite nell’attività dirigenziale e consegnato dal Presidente del Coni Regionale Maurizio Condipondero al fianco di un altra colonna portante della storia nero-arancio, anche lui insignito della stessa onorificenza, l’instancabile Tito Messineo.