La XIII edizione del Campionato nazionale Csi di ginnastica ritmica, svoltasi al PalaGetur di Lignano Sabbiadoro, ha consacrato Restart come una delle migliori società del panorama ginnico italiano. Due primi posti, un secondo posto, un terzo posto e tanti piazzamenti di rilievo per le 12 ginnaste reggine presenti in terra friulana, dove Restart era l’unico sodalizio calabrese in gara su un totale di 82 società (circa 1500 atlete in rappresentanza di 14 regioni). Protagonista assoluta la veterana e già pluricampionessa Francesca Spanti, che ha centrato il gradino più alto del podio (punteggio 39,200) nella classifica assoluta “Senior Large”, precedendo nell’ordine la faentina Alessia Babini e la cremasca Anna Visentin. Per la Spanti, sempre nella categoria “Senior Large”, ancora un eccellente primo posto alla fune (19,600) e un secondo posto alle clavette (19,600), dietro solo alla milanese Eleonora Di Clemente.

Un altro podio è stato raggiunto nella “3^ categoria super” (esercizio con nastri e palle) dalla squadra composta da Noemi Bevilacqua, Giulia Fascì, Martina Guida, Alice Malara e Vanessa Votano, classificatasi al 3° posto con 15,600 punti.  Fantastica la loro esibizione sulle note di “Smooth Criminal”, che ha letteralmente incantato il pubblico. Peccato per qualche errore di esecuzione, senza il quale la medaglia d’argento, e perché no anche quella d’oro, sarebbe stata possibile.

Degni di menzione anche i tantissimi piazzamenti (quasi tutti entro il decimo posto) ottenuti dalle altre ragazze in gara sia negli esercizi individuali che in quelli di squadra, a testimonianza dell’eccellente lavoro portato avanti dallo staff tecnico, rappresentato nell’occasione dalla prof.ssa Marilena D’Arrigo e dalle istruttrici Ylenia Albanese, Valeria Federico e Sara Lamberti.

Questi, nel dettaglio, gli altri risultati delle ginnaste Restart: 4° posto per la squadra composta da Sabrina Barreca, Martina Caridi, Aurora Iaria e Rebecca Versace (punteggio 16,800) nella “3^ categoria Small”, attrezzo palla; doppio 5° posto per Maria Sinicropi (“Senior Large”) nella classifica assoluta (35,800) e alla fune (18,300); 6° posto per Alice Malara (“Ragazze Super”) nella classifica assoluta (36,700) e al nastro (17,900), per Antonella Moro (“Ragazze Super”, attrezzo palla) con punti 19,000, per Martina Guida (“Junior Large”) nella classifica assoluta (35,700) e per Maria Sinicropi (“Senior Large”, attrezzo clavette) con punti 17,500; 7° posto per Martina Guida (“Junior Large”, attrezzo nastro) con punti 17,750; 8° posto per Antonella Moro (“Ragazze Super”) nella classifica assoluta (35,950), per Alice Malara (“Ragazze Super”, attrezzo palla) con punti 18,800 e per Noemi Bevilacqua nella classifica assoluta “Ragazze Large” (34,950); 9° posto per Giulia Fascì (palla) e Antonella Moro (nastro) nella categoria “Ragazze Super”, rispettivamente con punti 18,600 e 16,950; 10° posto per Martina Guida (Junior Large”, attrezzo cerchio) con 17,950 punti; 16° posto per Vanessa Votano nella classifica assoluta “Ragazze Large” con punti 33,330 (di cui 17,100 alla palla e 16,200 al nastro). Piazzamenti, questi, che assumono grande valore alla luce dell’elevato livello tecnico della competizione. Basti pensare che in gara vi erano società blasonate che hanno scritto la storia della ginnastica ritmica italiana quali Gymnasium 97 Bollate, Ritmica Rho, Polisportiva Capriolese, Stella Rossa Castelfranco di Sotto e Pontevecchio Bologna, per citarne solo alcune.

Tutte le ragazze (eccetto Barreca, Caridi, Iaria e Versace che, alla loro prima assoluta, hanno gareggiato al livello “Small”) si sono cimentate nei due livelli più alti di agonismo per il campionato Csi, il “Large” e il “Super”, equivalenti rispettivamente ai livelli federali “Silver” e “Gold”.

E’ stata una trasferta all’insegna del divertimento, con le ragazze che fuori dalla pedana hanno vissuto giorni in totale armonia, sperimentando ancora una volta la bellezza dell’essere una “vera squadra”. Adesso per tutte loro qualche giorno di meritato riposo e poi subito in pedana per preparare le altre gare in calendario.

La XIII edizione del Campionato nazionale Csi di ginnastica ritmica, svoltasi al PalaGetur di Lignano Sabbiadoro, ha consacrato Restart come una delle migliori società del panorama ginnico italiano. Due primi posti, un secondo posto, un terzo posto e tanti piazzamenti di rilievo per le 12 ginnaste reggine presenti in terra friulana, dove Restart era l’unico sodalizio calabrese in gara su un totale di 82 società (circa 1500 atlete in rappresentanza di 14 regioni). Protagonista assoluta la veterana e già pluricampionessa Francesca Spanti, che ha centrato il gradino più alto del podio (punteggio 39,200) nella classifica assoluta “Senior Large”, precedendo nell’ordine la faentina Alessia Babini e la cremasca Anna Visentin. Per la Spanti, sempre nella categoria “Senior Large”, ancora un eccellente primo posto alla fune (19,600) e un secondo posto alle clavette (19,600), dietro solo alla milanese Eleonora Di Clemente.

Un altro podio è stato raggiunto nella “3^ categoria super” (esercizio con nastri e palle) dalla squadra composta da Noemi Bevilacqua, Giulia Fascì, Martina Guida, Alice Malara e Vanessa Votano, classificatasi al 3° posto con 15,600 punti.  Fantastica la loro esibizione sulle note di “Smooth Criminal”, che ha letteralmente incantato il pubblico. Peccato per qualche errore di esecuzione, senza il quale la medaglia d’argento, e perché no anche quella d’oro, sarebbe stata possibile.

Degni di menzione anche i tantissimi piazzamenti (quasi tutti entro il decimo posto) ottenuti dalle altre ragazze in gara sia negli esercizi individuali che in quelli di squadra, a testimonianza dell’eccellente lavoro portato avanti dallo staff tecnico, rappresentato nell’occasione dalla prof.ssa Marilena D’Arrigo e dalle istruttrici Ylenia Albanese, Valeria Federico e Sara Lamberti.

Questi, nel dettaglio, gli altri risultati delle ginnaste Restart: 4° posto per la squadra composta da Sabrina Barreca, Martina Caridi, Aurora Iaria e Rebecca Versace (punteggio 16,800) nella “3^ categoria Small”, attrezzo palla; doppio 5° posto per Maria Sinicropi (“Senior Large”) nella classifica assoluta (35,800) e alla fune (18,300); 6° posto per Alice Malara (“Ragazze Super”) nella classifica assoluta (36,700) e al nastro (17,900), per Antonella Moro (“Ragazze Super”, attrezzo palla) con punti 19,000, per Martina Guida (“Junior Large”) nella classifica assoluta (35,700) e per Maria Sinicropi (“Senior Large”, attrezzo clavette) con punti 17,500; 7° posto per Martina Guida (“Junior Large”, attrezzo nastro) con punti 17,750; 8° posto per Antonella Moro (“Ragazze Super”) nella classifica assoluta (35,950), per Alice Malara (“Ragazze Super”, attrezzo palla) con punti 18,800 e per Noemi Bevilacqua nella classifica assoluta “Ragazze Large” (34,950); 9° posto per Giulia Fascì (palla) e Antonella Moro (nastro) nella categoria “Ragazze Super”, rispettivamente con punti 18,600 e 16,950; 10° posto per Martina Guida (Junior Large”, attrezzo cerchio) con 17,950 punti; 16° posto per Vanessa Votano nella classifica assoluta “Ragazze Large” con punti 33,330 (di cui 17,100 alla palla e 16,200 al nastro). Piazzamenti, questi, che assumono grande valore alla luce dell’elevato livello tecnico della competizione. Basti pensare che in gara vi erano società blasonate che hanno scritto la storia della ginnastica ritmica italiana quali Gymnasium 97 Bollate, Ritmica Rho, Polisportiva Capriolese, Stella Rossa Castelfranco di Sotto e Pontevecchio Bologna, per citarne solo alcune.

Tutte le ragazze (eccetto Barreca, Caridi, Iaria e Versace che, alla loro prima assoluta, hanno gareggiato al livello “Small”) si sono cimentate nei due livelli più alti di agonismo per il campionato Csi, il “Large” e il “Super”, equivalenti rispettivamente ai livelli federali “Silver” e “Gold”.

E’ stata una trasferta all’insegna del divertimento, con le ragazze che fuori dalla pedana hanno vissuto giorni in totale armonia, sperimentando ancora una volta la bellezza dell’essere una “vera squadra”. Adesso per tutte loro qualche giorno di meritato riposo e poi subito in pedana per preparare le altre gare in calendario.