Sabato 03 marzo 2018 nella palestra comunale di Rosarno (RC) si è svolta la fase invernale dei giochi della gioventù Calabrese per le qualifiche alla fase Nazionale del mese di Giugno che si terrà ad Ascoli Piceno.

Come ormai siamo abituati già da tempo alle competizioni in cui partecipano gli atleti della società del Presidente Messina difficilmente c’è chi fa meglio di loro.

Infatti la compagine sportiva del quartiere Lido partecipa all’evento con cinque piccoli arcieri che a suon di spot gialli conquistano quattro medaglie individuali e la prima piazza d’onore nel medagliere dell’evento.

Partecipa anche alla competizione, la neo medaglia di Bronzo agli Italiani Indoor Francesco Poerio Piterà, che sulla linea di tiro non si smentisce, conquistando un primo posto con ben 466 punti, punteggio mai realizzato nella storia sportiva calabrese per questo tipo di competizione, infatti con 35 dieci, 12 nove e un solo 8, su un totale di 48 frecce segna lo score più alto di tutti i tempi. Alle sue spalle l’ottimo Caroleo Alessandro, che con una serie di volèe positive all’insegna del 28, 29 e 30 totalizza un ottimo punteggio. I suoi score sommati portano l’arciere alla seconda posizione con 456 punti, punteggio di tutto rispetto che gli vale la qualificazione diretta alla fase nazionale, non potendo partecipare Francesco Poerio Piterà il quale per regolamento federale Fitarco è escluso poiché vincitore di medaglia a competizioni Nazionali. Infatti la Fitarco considera piazzamenti di prestigio e di onore le sole medaglie conquistate all’individuale escludendo per importanza eventuali piazzamenti a squadre che invece alla fase giovanile sono ammesse.

Gradino più alto del podio anche per la Giovanissima Anastasia Poerio Piterà, la quale con un punteggio di 457 punti e due parziali di 229 e 228 conferma la sua valenza sportiva come nella precedente edizione 2017. Infatti la piccola arciera segna i suoi punteggi con 28 10, 17 9 e solo tre 8. Questo punteggio è un record nella classe giovanissime mai raggiunto da nessuna arciera calabrese in tutti i tempi per questo tipo di gara. Terzo meritatissimo posto per Mazza Gaia nelle ragazze prima Media. Quarto posto per la matricola Caroleo Roberta con ottima prestazione alla sua prima partecipazione al trofeo Pinocchio.

Inutile negare l’immensa gioia dello staff Societario e dei tecnici semplici di secondo livello Poerio Piterà Edoardo e Messina Giuseppe.

Nelle dichiarazioni rese, il Presidente Messina è felice del risultato raggiunto, infatti, si dice soddisfatto e contento delle prestazioni dei suoi ragazzi, segno che la parola settore giovanile di qualità trova conferma nei risultati e non solo nei numeri di iscritti alle gare o alla stessa società. Infatti, continua lo stesso Messina i miei giovani arcieri sono stati gli unici a superare la quota dei 455 punti, cosa mai verificatasi in Calabria in una gara giovanile in cui tre arcieri della stessa società hanno superato questa soglia di punteggio.

Soddisfazione viene anche dal MISTER Poerio Piterà Edoardo, il quale afferma che “Noi in questi anni abbiamo lavorato per dare lustro alla nostra Catanzaro, si proprio Catanzaro, dove è nata l’arcieria Calabrese, infatti in questi ultimi anni abbiamo portato nella cittadina capoluogo di provincia tre medaglie nelle ultime quattro edizioni dei giochi della gioventù e non per ultimo il Bronzo Individuale di Francesco Poerio Piterà ai campionati Italiani Indoor. Definirci Mister è un onore quando si hanno arcieri di questo livello su cui collaborare, ma nello stesso tempo ci sentiamo soddisfatti poiché nelle nostre palestre e nelle nostre compagini non abbiamo un solo caso segno di fortuna di passaggio, ma un susseguirsi di giovani atleti che con il supporto delle famiglie lavorano incessantemente per portare in altro i nostri colori e il nostro storico simbolo quale quello degli Arcieri Club Lido.

I nostri ragazzi, continua il Mister Edoardo sono stati gli unici per ora a superare la soglia dei 455 punti, e sono stati in tre, quindi non è un caso ma è una realtà da tenere in considerazione. Noi guardiamo anche le classifiche e notiamo con piacere che le nostre posizioni in fatto di punteggio si mantengono e a volte migliorano. Lavorare vuol dire impegnarsi in attività che va oltre la semplice carica avuta o l’incarico ricevuto, lavorare vuol dire impegnarsi, trovare e tirare fuori dai ragazzi il meglio di loro e portarli come abbiamo fatto e come facciamo a livelli qualitativi medio alti e non soffermarsi alla semplice partecipazione alla garetta della domenica. Noi i nostri ragazzi li formiamo quotidianamente con soluzioni tecniche innovative e messe a punto costanti e scelte oculate dei materiali, noi gli arcieri li creiamo, per avere sempre un ricambio generazionale in società”.

Infatti, per come si può verificare la società di Catanzaro Lido ha la qualità di saper formare partendo da zero, non cerca altre soluzioni per avere punti o crediti federali.

La storia di Catanzaro nell’arcieria calabrese anche con questo risultato di sabato viene  aggiornata e reiscritta.