di Giuseppe Calabrò – Adesso è ufficiale. Il “dogmatico” professore Peppe Carella è per il secondo anno consecutivo il trainer
della Reggiomediterranea . Una prosecuzione di lavoro scontata fra il tecnico e la società , ottimo “idillio”
fra le parti corroborato dai risultati e dalla fiducia reciproca. L’accordo è stato siglato nel fine settimana.
Ai saluti invece, dopo tre anni di collaborazione, il preparatore atletico Deny Brancati che lascia per
rimpegni familiari e di lavoro.
Ma non finiscono qui le novità della giovane società presieduta dal vulcanico Bruno Leo e dal suo
“consigliori” Costanzo Cloro che si è assicurata le prestazione del fortissimo e possente attaccante Diego
Giovinazzo , proveniente dal Siderno, 17 reti nella scorsa stagione.
Esperto, aitante, con l’innato fiuto della rete, Diego Giovinazzo è un “fromboliere” d’elite, è quasi sempre
andato in “doppia cifra” nel corso della sua carriera, ha giocato nella Palmese, nella Taurianovese,
Cittanova, Castrovillari, Deliese, Gioiosa, Locri e infine a Siderno.
Giovinazzo è stato fortemente voluto da Peppe Carella.
Con l’arrivo ufficiale di un “bomber” come Giovinazzo è lecito aspettarsi una Reggiomediterranea più
ambiziosa nei programmi immediati, il reparto avanzato è sempre stata la nota dolente degli ultimi due
anni nel massimo campionato regionale dilettantistico.
Reggiome senza patemi iscritta per il terzo anno in Eccellenza, la società con i suoi nove dirigenti fa del
“fair play” finanziario e della valorizzazione dei giovani il suo punto di forza. Il settore giovanile ha
raggiunto sempre traguardi importanti e anche nazionali nella categoria juniores ben allenata dal
riconfermato Totò Germoleo.
Reggiomed che ha In uscita il trequartista Hanine e l’attaccante Kabangu.
Riconferme per il portiere Loris Cannizzaro, il difensore Gianni Marcianò, l’attaccante Daniele Zappia.
Il direttore sportivo Pasquale Casciano sta operando con grande acume e competenza per allestire un team
competitivo che non faccia soffrire i propri tifosi.