di Gianni Tripodi – “Sono contento ed orgoglioso di poter essere finalmente iscritto nell’albo degli allenatori di questa società che ha fatto la storia della pallacanestro”. E’ stato presentato questo pomeriggio presso il “Salone dei lampadari” di Palazzo San Giorgio Marco Calvani, il nuovo coach della MetExtra Viola Reggio Calabria. Romano, classe 1963 con esperienze importanti alle spalle alla guida tecnica della Stella Azzurra, Virtus Roma e Dinamo Sassari, è stato lui il prescelto della società nero arancio per sostituire Domenico Bolignano e far rilanciare la Viola nella prossima stagione. A fare gli onori di casa ci ha pensato il primo cittadino, il sindaco Giuseppe Falcomatà: “Per noi è un grande onore, un grande orgoglio ed una grande gioia che la Viola abbia deciso quest’anno di presentare qui con il coach la nuova stagione. Ho parlato con il presidente Monastero, l’ho visto carico, c’è grande passione ed entusiasmo per ripartire con il piede giusto, hanno deciso di investire su questa città per onorare il nome Viola e noi come amministrazione comunale continueremo a sostenerli. A Reggio, il basket così come lo sport, ha sempre avuto un valore che va al di là dell’aspetto agonistico, può portare ad una crescita e ad un rilancio della nostra città così come lo ha fatto durante gli anni passati”. Sulla stessa linea d’onda il consigliere allo Sport e Turismo Giovanni Latella che ha voluto sottolineare l’importanza della Viola per il nostro territorio, promettendo che ci sarà il massimo impegno per la riqualificazione del Pala Calafiore. Di poche parole l’emozionato presidente Raffaele Monastero, dopo i ringraziamenti al sindaco ha ribadito che l’obiettivo della società è sempre quello di fare in modo che la città torni ad identificarsi nella Viola. Alla luce delle difficoltà della passata stagione con una salvezza sofferta arrivata solo al termine dei playout, quella di quest’anno dovrà essere una stagione ricca di soddisfazioni: “Abbiamo bisogno di tutti voi, noi siamo Reggio e la rappresenteremo in tutti i palazzetti d’Italia”. Per la prima volta in questi anni la Viola ha deciso di confermare una buona parte del roster: “E’ stato un passo importante, sono voluti rimanere, credono in noi, con grandi sacrifici e con grande impegno siamo riusciti a confermarli, assieme all’ingaggio di un coach importante come Calvani, un uomo dalle grandi doti umane oltre che essere un grande professionista di grande esperienza sono convinto che faremo bene”. Tutti gli occhi erano puntati sul nuovo coach, Marco Calvani: “Essere ospitati qui dal sindaco è già un ottimo segnale, sentiamo il sostegno da parte dell’amministrazione comunale ed è importantissimo per noi. Quello che ho percepito trent’anni fa quando venivo da Palmi a seguire la Viola di Tonino Zorzi è che per il reggino esistono solamente tre cose: la famiglia, il lavoro e la Viola”. Parole forti da parte di Calvani che elogia l’operato della dirigenza: “L’elemento importante che lega i reggini alla Viola è la passione e non si trova in tutt’Italia. Un plauso alla società per aver deciso di reinvestire delle risorse sulla pallacanestro e sulla Viola per cercare di portarla ai massimi livelli, il tifoso reggino deve esserne grato. Mi piacerebbe che la Viola non fosse solo la squadra di Reggio, ma di tutti i calabresi”. Perché ha scelto la Viola? “Ci sono state due telefonate con il dg Condello e con il presidente Monastero dove dopo i convenevoli di presentazione, mi hanno fatto un breve feedback di quelle che sono state le ultime due stagioni e dove da persone estremamente mature si sono prese le responsabilità delle cose che non sono andate bene. Questo è il mio ventottesimo anno da professionista, il trentasettesimo da allenatore e quasi mai ho sentito dei dirigenti che si puntano il dito contro ammettendo di avere sbagliato qualcosa, anzi nove volte su dieci danno la colpa ad altri”. Un ringraziamento particolare ai tifosi che prima della conferenza lo hanno omaggiato con una sciarpa: “Li ringrazio per essere venuti qui oggi, avremo modo di capire come io potrò aiutare loro e loro aiutare noi, per ottenere dei risultati ci sarà bisogno di tutti quanti, ringrazio già da adesso tutto coloro che ci sosteranno”

confd