Sarà il campo di calcio a 5 “Stefano Boccia” realizzato in erba sintetica di ultima generazione ad accogliere il torneo della società moranese. Iscrizioni aperte fino al 13 luglio. Tamburi: rinnoviamo il sostegno a questa iniziativa che ci permette di parlare di sport come veicolo di solidarietà ed aggregazione.

Ancora pochi giorni per iscriversi all’edizione 2017 della Coppa della Solidarietà organizzata dalla Unione Sportiva Dilettantistica “Geppino Netti” di Morano Calabro con il patrocinio del Comune di San Basile. Anche in questa edizione il torneo vivrà i suoi giorni di spor nella cornice del campo di calcio a 5 “Stefano Boccia” in zona Llaka nel comune arbereshe. L’impianto di ultima generazione in erba sintetica sarà il teatro di gara sul quale le squadre amatoriali – che si iscriveranno al torneo di beneficienza entro il termine fissato dagli organizzatori del 13 luglio prossimo (entro la mezzanotte) – si daranno “battaglia” sportiva per conquistare il trofeo che parla di aggregazione e solidarietà.
Le squadre che vorranno prendere parte alla competizione sportiva – da sempre momento di aggregazione e con una forte impronta sociale – dovranno essere composte da un minimo di 5 giocatori ad un massimo di 8 e versare la quota di iscrizione pari a 150€.

«Attraverso lo sport puntiamo a promuovere i valori dell’amicizia, della solidarietà e sottolineiamo la componenti della socializzazione come spirito giusto per vivere una sana competizione sportiva. E’ con questo spirito che abbiamo pensato di realizzare un impianto sportivo nella nostra programmazione e realizzato da poco più di un anno ponendolo a servizio degli amatori di tutto il territorio. Crediamo – ha aggiunto il sindaco Vincenzo Tamburi – che attraverso il gioco ed il divertimento si possano condividere i valori dell’attenzione verso chi sta peggio di noi – devolvendo il contributo per situazioni emergenziali del comprensorio – e della crescita collettiva di una intera generazione che si ritrova insieme sui valori sportivi».

Francesco Netti – presidente della società sportiva moranese organizzatrice dell’evento – ha rimarcato lo spirito dell’unione sportiva nata dopo la scomparsa per un male incurabile di Geppino Netti, fratello del presidente. «Ritorniamo a San Basile convinti che un grande progetto di sport e solidarietà possa realizzare eventi che incontrano il sostegno di amministrazioni attente, come quella guidata dal Sindaco Tamburi. La Coppa della Solidarietà è per noi l’ennesima occasione per parlare ad un pubblico di giovani e facendoli crescere con sani principi di vita».