VECCHIE GLORIE: Perri, Pergolizzi, Parrotta, Mancini, Miceli, Cascione, Esposito, Giampà, Leone, Galardo, Tortora, Campolo, Lio, Gigliotti, Sinopoli, Raise, Belfatto, Vanzetto, Salerno, Gatto, Messina. All. Sabadini

CLERO-DIOCESI: Serra, Mancari, Don Ragozzino, Don Brando, Fiorenza, Rocca, Gigliotti, Don Critelli, Costantino, Sacco, Don Bellomo, Gigliotti, N., Gigliotti D., Don Castagnaro, Padre Franz, Napoli, Torcasio, Don Fazio, Don Osvaldo. All. Serra Sergio, vice Gaetano Massimo

NAZ. ATTORI: Costabile, Palmese, Tallura, Esposito, Brugia, Siravo, Velo, Propizio, Cicchella, Giuffrida, Oppini, Panebianco, Ermìto, Vallone, Messina, Todaro. All. Cesare Barchiesi.

ARBITRO: Martina Molinaro, assistenti Umberto Emanuele e Mattia Roperto.

Risultati. Nella prima partita vittoria delle Vecchie Glorie contrto il Clero Diocesi per 7-0 con gol di: Mancini, Tortora, Giampà, Salerno, Lio, Messina, Sinopoli. Nella seconda Vittoria della Nazionale Attori contro il Clero-Diocesi per 4-1 con gol di Ermito, Cicchella, Propizio e Esposito, mentre era andato in vantaggio il Clero-Diocesi con rigore di Sergio Serra. Nella finale vittoria delle Vecchie Glorie contro la Nazionale Attori con gol di Giampà e doppietta di Tortora, mentre aveva accorciato le distanze (2-1) l’attore Ermito.

Ha vinto la beneficenza! Nel triangolare organizzato da Felice Costanzo e Don Pasquale De Fazio al D’Ippolito di Lamezia Terme, buona risposta del pubblico lametino che ha contribuito alla prossima realizzazione di un parco-giochi per bambini diversamente abili al Parco Impastato di Lamezia Terme. All’inizio è stato osservato un minuto di raccoglimento sia per Armando Raffaele a cui era dedicato il 1° Memorial e sia per Marcello Le Piane operatore-giornalista Rai, scomparso nei giorni scorsi. Il calcio d’inizio è stato dato da sua Eccellenza il Vescovo di Lamezia, Cantafora e dal sindaco della città Mascaro.

In queste manifestazioni il risultato tecnico in sé passa in secondo piano, e al di là della prevedibile vittoria della squadra guidata in panchina da Tato Sabadini, che in finale ha avuto la meglio su una tenace e mai doma Nazionale Attori, c’è da apprezzare la partecipazione anche del Clero e della Diocesi di Lamezia Terme che non ha lesinato energie per dare un segno tangibile all’evento anche solo con la propria presenza.

Se proprio si vuol brevemente divagare su spunti tecnici, da registrare il mai perso fiuto del gol di Tortora, tre gol nelle due gare; la verve agonistica di Giampà, Leone, Campolo e Vanzetto, le doti tecniche di Lio, Sinopoli e Galardo, e l’eleganza in difesa di Mancini, Cascione ed Esposito. Anche nella Nazionale tutti bravi, in particolare il bomber Ermito, l’eclettico Propizio, il mai domo Todaro, oltre all’esperienza di Oppini e Vallone e di capitan Tallura e del presidente-giocatore Siravo.

INTERVISTE. Ora qualche impressione dei protagonisti, con i complimenti di tutti all’organizzazione di Felice Costanzo e all’ospitalità di Lamezia Terme.

FRANCO OPPINI (attore): “Intanto l’apprezzamento dovuto all’nduja calabrese ma non è l’unico motivo perché siamo venuti qua – sorride Oppini -, non è l’unico motivo perché molti di noi hanno fatto 6-700 chilometri, il motivo vero è che quando c’è bisogno noi cerchiamo di presentarci. Io spererei di poter fare queste partite solo per incontrare i nostri fans, perché vorrebbe dire che non serve più fare la beneficenza o aiutare chi soffre perché ci pensa chi dovrebbe pensarci. Però finchè ci sono gli italiani di buon cuore che si danno una mano, facciamolo, comprese tutte le associazioni del caso. Il nocciolo è che forse dovrebbero pensarci altri invece di pensare solo alle loro tasche”.

SAVERIO VALLONE (attore) – “Il significato è importantissimo, intanto perché giochiamo nella mia Calabria la terra di mio padre Raf, e quindi fare beneficenza così è una cosa stupenda con questo bel pubblico. Abbiamo cercato di allenarci ma ho visto che gli avversari sono stati fortissimi. In questi giorni vado a Roma ma a breve prendo mia moglie e i figli e ritorno nella mia Tropea, che è nel mio cuore anche col 3° Premio “Raf Vallone” che faccio con Cinecittà e va molto bene, sono il direttore artistico, e poi girerò uno sceneggiato per Rai1 su Vincenzo Lancia che è un grande costruttore all’inizio del ‘900 con Luca Zingaretti”.

ANTONIO TALLURA (Attore) – “Sono felice di partecipare a questa manifestazione benefica, grazie a Felice Costanzo e alla Diocesi di Lamezia per questo bellissimo evento, poi sono molto felice perché i compagni mi hanno dato la fascia di capitano. Grazie a tutti”

EDOARDO SIRAVO (Presidente-attore) – “Ringrazio tutti gli spettatori intervenuti, che hanno partecipato alla beneficenza e alla solidarietà. Con gli Attori siamo da 40 anni che facciamo questo bel gioco di essere utili agli altri pur divertendoci. Evviva la Calabria, siamo stati accolti in maniera straordinaria, veniamo sempre molto volentieri a Lamezia Terme. Un grazie al nostro reporter Tony Marino”.

SABADINI (All. Vecchie Glorie) – “Al di là del risultato siamo stati contenti di partecipare a questo evento benefico, sperando di donare un sorriso ai tanti bimbi diversamente abili che ora potranno avere anche loro la possibilità di giocare e divertirsi al Parco Impastato. Grazie a tutti”.

FELICE COSTANZO (Organizzatore) – “Alla fine siamo stanchi ma contenti: riteniamo sia stata una bella manifestazione, ringrazio davvero tutti per aver partecipato ed aver contribuito così ad una nobile causa. Ringraziamento particolare a Don Pasquale De Fazio, alle Istituzioni, al Vescovo Cantafora”.

Nel corso dell’evento targhe ricordo anche alle forze dell’ordine: Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia locale, l’Anps Polizia di Stato Gruppo volontari di Lamezia e Sezione Aia di Lamezia. Hanno ritirato il sovrintendente Paolo Lirangi; l’appuntato Paolo Serrato, il luogotenente Carmelo Carchidi, l’ispettore Gennaro Pileggi e Gianfranco Puja.