di Cristoforo Malara – In una giornata caratterizzata equamente da tre successi interni ed esterni il risultato più roboante è sicuramente quello dell’Elettromega Polistena che, strapazza la Virtus sul proprio campo riscattando il pezzo passo falso di sabato scorso. La copertina principale, però, spetta alle matricole Edilferr Cittanova e Roccella che, sono le uniche a bissare il successo della prima giornata. Il Cittanova travolge il Bova Marina il Roccella espugna il campo della Sensation. Altra squadra corsara è l’Andrè che, sbanca il difficile campo del Polistena. Il Laganadi prevale di misura sull’ostica Bulldog mentre, il Serra impone il fattore campo alla Ludos.

EDILFERR CITTANOVA – BOVA MARINA 10 – 5

Marcatori: 4’, 15’ e 16’ Foti (EC), 18’ Guerrisi (EC), 19’ Cosoleto (EC), 28’ Startari (EC), 23’ Foti (EC), 24’ Monterosso (EC), 29’ e 30’ Marengo (BM), 31’ Cordì (EC), 33′ Scaramozzino (BM), 43’ Foti (EC), 44’ Santisi (BM), 58’ Franco (BM)

Cittanova Bova 2Cittanova Bova 2Nella gara del debutto casalingo, la squadra Cittanovese ha la meglio sull’ostica formazione di Bova Marina allenata da mister Vazzana. Con il risultato finale di 10-5 la squadra bianco-blu sfoggia una prestazione dai due volti, soffrendo spesso l’avversario. In avvio entrambe le squadre creano due occasioni rispettivamente con Guerrisi e Marengo al 2′, ma é Foti al 4′ ad aprire le marcature. All’ 8′ gli ospiti si rendono pericolosi su calcio piazzato, ma Cordì risponde presente. L’Edilferr inizia a mietere gioco, Cosoleto manda di poco fuori ed al 14′ Foti sorprende tutti su calcio piazzato da posizione defilata, siglando il 2-0. Un minuto più tardi su triangolazione é ancora Foti ad entrare nel tabellino dei marcatori. Il pressing dei padroni di casa diventa opprimente per il Bova, gli ospiti non riescono ad uscire, ed in 4 minuti la squadra Cittanovese affonda il colpo con Guerrisi, Cosoleto, Startari, Foti e Monterosso, portandosi al 22′ sul risultato di 8-0.Foti Mario CittanovaFoti Mario Cittanova Il parziale fa rilassare i padroni di casa che iniziano a specare ma soprattuto ad essere meno incisivi. Gli ospiti prima del termine della prima frazione sfruttano due tiri liberi per portarsi sull’ 8-2, entrambi a firma di Marengo. Nella ripresa al 31′ Cordí sigla una rete su rinvio, pescando il portiere avversario distratto e dunque beffandolo. Scaramuzzino, al 33′ riapre le speranze degli ospiti, infilandosi su un buco difensivo e insaccando alle spalle del n.1 Cittanovese. Il Bova diventa pericoloso in più occasioni ma è l’Edilferr a perdere la bussola concedendo molto all’avversario. Al 12′ Foti si divora una ghiotta occasione a tu per tu  con il portiere avversario, Cordì blocca i tentativi del Bova ed al 43′ Foti porta il parziale sul 10-3. Su azione successiva la compagine reggina accorcia con Santisi e nei minuti seguenti costringe la squadra di casa a difendersi avvicinandosi più volte il goal. Monterosso spreca per l’Edilferr, ed ancora una volta Cordí salva il risultato. Al 58′ c’é ancora tempo per Franco che chiude le marcature con il risultato di 10-5. A discapito del risultato la squadra di Bova si dimostra un’ottimo gruppo, capace di ribaltare qualsiasi risultato a cui vanno i nostri complimenti. L’Edilferr Cittanova gioca a sprazzi un buon Futsal ma mister Milano si dimostra ancora poco soddisfatto, dove difatti c’è ancora molto lavoro da fare. (A.S. Cittanova)

SENSATION PROFUMERIE – ROCCELLA 1 – 4

Marcatori: 31’ e 32’ Femia (R), 34’ Agostino ®, 44’ Minnella (S), 53’ Muscolo (R)

Femia Cristian  RoccellaFemia Cristian RoccellaPartita strana quasi ai limiti dell’irrazionale, comunque difficile da raccontare. Sensation Gioiosa e Roccella, hanno dato vita ad un incontro che, in realtà rappresenta due partite. Anche assai differenti tra loro. Nel primo tempo finito a reti inviolate anche a causa del terreno reso viscido e pesante dalla pioggia nel quale il gioco è stato letteralmente bloccato. Sterile supremazia territoriale da parte dei padroni di casa, contro una difesa attenta e puntuale da parte del Roccella. Nemmeno i due tiri liberi per limite di falli, succedutesi uno dietro l’altro sul finire del tempo prima per il Roccella e poi per la compagine di casa, sono stati in grado di schiodare il match dal punteggio di parità. Nella seconda frazione cambia tutto. La Sensation, entra in campo in maniera molle senza la giusta concentrazione regalando in maniera grossolana il primo gol alla squadra ospite. Sono 5’ da incubo per il quintetto di casa. Il Roccella ne approfitta in maniera cinica segnando altre due reti portandosi sullo 0 a 3. Da questo momento la Sensation, reagisce in maniera veemente, accelera le proprie giocate costringendo gli avversari ad una difesa molto bassa. E’ un autentico stillicidio di tiri in porta, di legni colpiti, di parate, di deviazioni in angolo. In questo frangente su tutti svetta, Giuseppe Minella che guida il furibondo tentativo di rimonta dei locali segnando il meritato 1 a 3. La compagine di casa, attacca senza sosta impedendo la Roccella ripartenze efficaci ma, tutto ciò non basta infatti, la rete che riaprirebbe l’incontro non arriva ed il Roccella chiude definitivamente la gara con uno dei rari contropiedi manovrati della ripresa. Finisce 1 a 4 a favore del Roccella (festeggiando legittimante la vittoria) e con mille dubbi per la Sensation Gioiosa che, ha giocato male per lunghi tratti del match senza spare valorizzare i suoi giocatori di maggiore talento che devono crescere nell’approccio alle gare e nella capacità di stare in campo leggendo le varie fasi di gara. (A.S. Antonio Larosa)

LAGANADI – BULLDOG 3 – 2

Marcatori: 2’ Messineo (L), 4’ Tomaino (B), 37’ Muscaglione (B), 49’ Fiore (L), 51’ Postorino (L)

Muscaglione Andrea BulldogMuscaglione Andrea BulldogVittoria in rimonta per i padroni di casa contro la tonica squadra di Vibo. Il botta e risposta in avvio di gara lasciano presagire ad una match spettacolare e ricco di goal La realtà, invece, è del tutto diversa infatti, le marcature iniziali fanno stare sul chi la va là entrambe i quintetti che, pur costruendo occasioni da goal fino al termine del primo tempo, non si schiodano dal risultato di parità. In avvio di ripresa la Bulldog palesandosi più attiva costringe alla difensiva i reggini costretti al alzare bandiera bianca all0incedere di Muscaglione. Per diversi minuti i vibonesi gestiscono senza grossi affanni il minimo vantaggio. Mister Vitale annuendo le difficoltà di manovra dei suoi giocatori getta mischia le carte inserendo Postorino. La mossa si rivela subito vincente tant’è che il neo entrato dapprima, mette lo zampino nella rete del pareggio di Fiore e 2’ dopo realizza la marcatura del sorpasso. La Bulldog accusa il colpo ed il Laganadi più volte ha sui piedi la palla della sicurezza. L’incontro, però, resta in bilico fino al triplice fischio non venendo modificato neanche dall’innesto del quinto uomo da parte della Bulldog.

POLISTENA – ANDRE’ 4 – 6

Marcatori: Pettè (2), Condò, Larosa per il Polistena. Santise (2), Castanò (2), Chiaravalloti e Punzi per Andrè

VIRTUS – ELETTROMEGA 3 – 9

Marcatori: 6’ Cannizzao (V), 12’ Fiumara (V), 19’ A. Varamo, 20’ Quaranta, 26’ aut. Sorace (V), 32’ Ferraro, 35’ Cannizzaro (V), 45’ A. Varamo, 49’ Quaranta, 51’ A. Varamo, 55’ G. Varamo, 60’ Cannatà

Varamo Andrea Elettromeg PolistenaVaramo Andrea Elettromeg PolistenaLa Virtus è ancora un cantiere aperto e l’Elettromega ne approfitta per saccheggiarne il campo avverso. La squadra di mister Sansotta contro avversari ben organizzati perde la bussola subendo un passivo decisamente immeritato. Eppure il team di Cinquefrondi inizia l’incontro nel migliore dei modi portandosi sul doppio vantaggio con Cannizzaro e Fiumara. Poi, qualcosa si rompe in un meccanismo che sembrava giare alla perfezione e progressivamente gli ospiti, s’incuneano nell’incerta retroguardia locale ristabilendo la parità in 2’ e come se non bastasse, prima del riposo grazie all’autorete di Sorace mette la freccia del sorpasso. In avvio di ripresa il botta risposta tra Ferraro e Cannizzaro lascia presagire ad una gara incerta invece, l’Elettromega prende il largo con la coppia A. Varamo, Quaranta deprimendo i giocatori di casa che, lasciano campo libero al quintetto di Polistena i quali, spietatamente affondano i colpi punendo i padroni di casa, in maniera eccessiva.

SERRA – LUDOS 6 – 5

Marcatori: Ciconte (FS), Polimeni (L), Vincenzo Zaffino 3 (FS), Domenico Zaffino 2 (FS), Iracà 2 (L), Dascola 2 (L).

serraludos1serraludos1Dopo la sconfitta all’esordio contro il Siderno, alla neo promossa Futsal Serra servivano i tre punti per ben figurare davanti al proprio pubblico. E, alla fine, il successo per i ragazzi di mister Pisani è arrivato. Entrambe le squadre hanno dato vita ad un bell’incontro, ma alla fine ha prevalso meritatamente la compagine di casa, che ha sofferto solo nel finale, quando la Ludos, sotto di cinque reti, ha deciso di schierare il portiere di movimento. Fino a quella occasione, però, il Futsal Serra ha fatto da padrone e, se non si fossero messi di mezzo i tanti gol sprecati dai biancoverdi, forse a quest’ora staremmo qui a parlare di un passivo ancora più largo.Zaffino VincenzoZaffino Vincenzo Già al termine della prima frazione, le squadre vanno a riposo con i padroni di casa in vantaggio per 4-1, grazie alle reti di Ciconte, alla doppietta del neo acquisto Vincenzo Zaffino e al gol di Domenico Zaffino, sugli sviluppi di uno schema su punizione. Il gol del momentaneo 1-1 della Ludos lo firma Polimeni, su una deviazione involontaria di De Caria che batte l’incolpevole Costa. Ad inizio ripresa, intorno al 10′, è Domenico Zaffino ad andare di nuovo in gol direttamente su azione personale. Poi arriva anche il 6 a 1 e lo sigla Vincenzo Zaffino, che sfrutta l’assenza del portiere tra i pali (gli ospiti, infatti, avevano già schierato il portiere di movimento) e segna direttamente dalla propria area. Nel finale il Futsal Serra soffre un po’ il pressing degli ospiti, che dal 6-1 si portano addirittura sul 6-5, con una doppietta di Iracà ed il gol di Dascola. L’incontro, però, termina qui ed il Futsal Serra conquista i suoi tre punti meritati. (a.d. Alessandro De Padova)