Tre gironi da venti squadre per il prossimo nuovo campionato di Lega Pro. Una rivoluzione quasi obbligata che ha escluso la seconda divisione e che deve ancora stabilire la logica della suddivisione. I vertici della Lega hanno più volte ribadito che si farà il possibile per giocare il maggior numero di derby vista l’elevata presenza di squadre vicine concentrate soprattutto al sud. A prescindere dal fascino, crescerebbe in maniera considerevole soprattutto l’interesse del pubblico e di conseguenza aumenterebbero le presenze nei vari stadi. Una valutazione già fatta da chi alla fine dovrà provvedere alla divisione dei tre gironi. E’ chiaro che prima di prendere qualsiasi decisione, è necessario attendere il parere ultimo del Consiglio Federale, per capire quali saranno le squadre iscritte e quelle escluse.