“Uno stadio restituito alla collettività. Un campo dove batte il cuore del Calcio”. Un claim coniato dalla Lega nazionale dilettanti per le diverse operazioni di recupero intraprese in tutta Italia, che riguardano campi sportivi da destinare all’attività calcistica dilettantistica e giovanile. Oggi, dopo Perugia, Firenze ed Oristano, a Catanzaro, è stato inaugurato, da Giancarlo Abete, presidente nazionale Figc, Federazione italiana giuoco calcio, e Carlo Tavecchio, presidentd nazionale Lnd, Lega nazionale dilettanti, il Centro di Formazione federale Figc-Lnd di Catanzaro. “La compartecipazione della federazione è stata determinante – ha chiarito Tavecchio -. L’inaugurazione di questo centro è un ulteriore tassello di quel gigantesco mosaico che ci porterà a dotare ogni regione di un impianto di calcio da destinare all’attività dilettantistica e giovanile”. L’obiettivo è quello di “dotare tutta la nazione di 20 centri di eccellenza”. “In Calabria – ha proseguito Tavecchio -, però siamo andati oltre. La Calabria ha un primato. Per la prima volta abbiamo studiato e realizzato un impianto di illuminazione che ci proietta in una nuova dimensione. E’ ncessario ci pensi allo sport come volano economico”. Il rogetto, ha coinvolto il Comune di Catanzaro, che ha messo a disposizione della Figc calabrese il terreno dove l’impianto è stato realizzato. Assieme al sindaco Sergio Abramo, a Saverio Mirarchi, presidente regionale Lnd, e Antonio Cosentino, vicepresidente nazionale Lnd, anche Giancarlo Abete ha sottolineato “l’impegno profuso dalla Lnd nel realizzare questo progetto”.
“Il centro federale – ha rimarcato Abete – incide su fattori essenziali alla base della crescita dello sport e del territorio. Il calcio non è una industria, il calcio è altro. Parliamo di una realtà piena di valori, ideali, sogni e speranze. Il calcio è una dimensione sociale. Se non capiamo che la grande forza del calcio è la storia del territorio perdiamo la dimensione che questo sport rappresenta. Per questo abbiamo investito sul territorio. Il campo che oggi inauguriamo è una struttura che consente di far crescere il territorio ed è un momento di aggregazione. In un periodo in cui l’individualismo la fa da padrona il calcio porta avanti altri principi: il gruppo, la crescita comune, la condivisione”.

(Cla.Va.)