Niente più C1, niente più C2. Anche se già si chiamavano Prima e Seconda Divisione, stavolta la Lega Pro sarà unica e destinata ad avere un unico nome.
Tre gironi per un unico livello, con sessanta squadre divise in tre campionati, la cui composizione non è ancora stata decisa, sebbene ad oggi il criterio più accreditato sembrerebbe essere quello della contingenza territoriale.
Ma come si va in Serie B? Facile a dirsi : vincendo uno dei tre gironi come prima occasione per ritrovare un certo tipo di calcio che conta.
Ma in cadetteria ne andranno quattro e per stabilire la quarta formazione che disputerà la B del 2015/2016 sarà necessario passare attraverso i play off.
Allo spareggio promozione andranno le tre seconde, le tre terze e le due migliori quarte.
Come si stabiliscono le migliori quarte ? Criteri in ordine di rilevanza :
1) punti conquistati
2)differenza reti
3) maggior numero di gol fatti
4)minor numero di reti subite
5)maggior numero di vittorie 6)
minor numero di sconfitte
7) maggior numero di vittorie esterne
8) minor numero di sconfitte esetrne
Lo stesso ordine di parametri viene utilizzato per stabilire la griglia dei play off.
Nel primo turno, in gara unica, la migliore seconda affronta la peggiore quarta con il favore del fattore campo.
La seconda delle seconde classificate affronta la migliore quarta, sempre in gara unica e tra le mura amiche.
La terza delle seconde affronta la peggiore terza nel proprio stadio, mentre la rimanenti “terze” si affrontano tra di loro con la migliore terza che gioca in casa.
In caso di parità, supplementari e rigori.
Seguiranno le semifinali con andata e ritorno, in cui non varrà il principio Uefa dei gol fuori casa doppi in caso di parità. Si terrà conto della differenza reti nei centottanta minuti, che se non fossero sufficienti a stabilire uno squilibrio renderanno necessari i calci di rigore.
Lo spauracchio della retrocessione in D, invece, si concretizza da subito arrivando ultimi, in ogni girone.
Play out, invece, dal sedicesimo e al diciannovesimo posto. Sedicesima contro diciannovesima, diciassettesima contro diciottesima. Spareggi basati su andata e ritorno, con ritorno in casa della migliore classificata.
In caso di parità dopo il ritorno si terrà conto della migliore posizione acquisita in classifica.
Da ogni doppia sfida verrà fuori una squadra che finirà la propria corsa in Serie D.
Saranno dunque tre le retrocessioni per ogni girone.
Il regolamento, tuttavia, riguardo ai play off potrebbe subire delle modifiche, visto che nelle settimane scorsa si è detto come la formula, già utilizzata in questa stagione, non tuteli a sufficienza chi ha fatto meglio in campionato.