Home / Sport Strillit / ALTRO CALCIO / Calcio, Eccellenza: Gallico Catona col rebus Franceschini. Ripepi e Misiti le alternative

Calcio, Eccellenza: Gallico Catona col rebus Franceschini. Ripepi e Misiti le alternative

Una cena sociale per i saluti finali. Il Gallico Catona progetta il prossimo futuro che lo si vuole importante.

Non è facile ripetere la splendida stagione appena conclusa.

Tiene banco la questione del tecnico Ivan Franceschini. Per lui è stata una ottima vetrina, un trampolino di lancio verso mete prestigiose. Il biondo emiliano che è sposato e con prole a Reggio ha tutte le credenziali per prendere il volo. “ Mi sono trovato a meraviglia, un gruppo di dirigenti e giocatori straordinari se c’è una richiesta importante e anche di categoria superiore è ovvio che deve fare della valutazioni” sin qui ildiscorso fra Franceschini e il dinamico “ diesse” Peppe Misiti.

Squillerà il cellulare del tecnico emiliano ? Le voci parlano di un interessamento della Palmese e della Gioiese.

Le alternative. Si ipotizza una pista che porta ad un giovane in cerca di rivincite che è Salvatore Ripepi, breve esperienza nel Villa San Giuseppe.

Un’altra ci indica l’ex giocatore e oggi trainer in Sicilia ( ha vinto un campionato di prima categoria con una sola sconfitta) Peppe Misiti, cugino ed omonimo del direttore sportivo.

Importante la riconferma del preparatore atletico Demetrio Brancati e Ciccio Poner.

Giocatori. Molte le richieste per il difensore Peppe Calarco, L domenica a Croce Valanidi gara play off fra l’ Aurora e il Villa San Giuseppeeo Gatto ( Roccella ?), La Cava, lo stesso trequartista Cormaci, il portiere Fabrizio Pratticò.

Punti “cardini” dovrebbero essere Andrea Penna, Demetrio Libri, il probabile ritorno di Gianni Marcianò eforse di Oreste Aguglia, lo stesso Mimmo Giunta, Manuel Monorchio, Orazio e Daniele Barillà.

A giorni una gran “galà” in un noto locale per rivivere con diapositive ed immagini le gesta di una esaltantestagione agonistica 2013/2014, la prima di una lunga serie del neo nato comprensorio Gallico- Catona.

Giuseppe Calabrò

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *