BASKET

di Gianni Tripodi – Bisogna saper osare! Lo sa bene Domenico Bolignano che, in attesa di conoscere il suo futuro, si gode il primo successo da capo allenatore della Viola. I nero arancio

battono la Stella Azzurra Roma (88-69) in una gara in cui il coach reggino ruota ottimamente tutti e dieci gli uomini a sua disposizione i quali disputano una gara di grande intensità. Interrotta la striscia di tre sconfitte consecutive, torna dunque il sorriso in casa Viola, in settimana la società di via Pio XI rivelerà il nome del sostituto di Fantozzi e dei nuovi rinforzi che andranno ad allungare un roster ridotto all’osso, nel frattempo i tifosi si godono una vittoria che arriva nel momento giusto. La Stella Azzurra, artefice della prima sconfitta in campionato dei reggini all’esordio, è costretta ad arrendersi tra le mura del Pala Calafiore, troppo grande la voglia di riscatto del team di Bolignano che si rimette così in carreggiata. Con questa vittoria la Viola sale a quota 24 punti in compagnia di Martina Franca e Roseto che battono rispettivamente Potenza (78-62) e Pescara (83-77), il “trio” rimane in seconda posizione dietro ad Agrigento che con i due punti conquistati contro il Francavilla (86-77) si mantiene in vetta alla classifica (32). Coach Bolignano dà spazio a tutti, tanti minuti per capitan Grasso (28) che porta sul parquet, subentrando dalla panchina, tutta la sua grinta, occasione (finalmente) data ai giovani Laganà (6) , Rappoccio (5) e Marengo (2) che di certo non sfigurano accanto ai vari Rodriguez, Delle Cave e Duranti, dimostrando buona personalità e voglia di emergere. Contro la Stella Azzurra arriva una vittoria schiacciante, i nero arancio dominano a rimbalzo (35 a 24) nonostante l’assenza di un centro puro, il dinamismo di Gambolati e Grasso compensa i centimetri di Fall e Ondo Mengue, premiata anche una miglior circolazione di palla (13 assist di squadra) che manda a referto 9 dei 10 giocatori impiegati da coach Bolignano nell’arco dei quaranta minuti. Mattatori dell’incontro  la guardia romana Grill, 25 punti (season high) con il 53% dal campo (8/15) e il play argentino Paparella, 20 punti con il 67% dal campo (8/12). Prossimo impegno domenica 22 contro l’Innotec Potenza.
18° giornata DNB girone C
LIOMATIC VIOLA RC – STELLA AZZURRA ROMA 88-69
Parziali: 16-16, 37-32, 62-45, 88-69
Arbitri: Isibaldi Corrado di Briosco (MI) e Quaia Stefano di Milano (MI)
LIOMATIC VIOLA RC
Grilli 25, Paparella 20, Grasso 10, Caprari 8, Gambolati 8, Potì 7, Laganà 5, Marengo 4, Sereni 1
Coach: Bolignano Domenico
STELLA AZZURRA ROMA
Rodriguez 19, Ondo Mengue 17, Duranti 10, Fall 7, D’Ascanio 6, Ramenghi 5, Delle Cave 4, Fallucca 1
Coach: D’Arcangeli Germano
All’esordio in panchina, coach Bolignano non apporta modifiche al quintetto e conferma Paparella, Grilli, Caprari, Sereni e Gambolati nello starting five. Mani fredde in avvio per  entrambe le squadre, Rodriguez dalla lunetta (1/2) trova il primo punto dell’incontro, i nero arancio scaldano la mano con Gambolati dalla media e Grilli in contropiede, Roma va a punti con Ondo Mengue che appoggia alla tabella ed è 4-3 dopo 4 minuti di gioco. Tripla senza ritmo di Grilli con l’aiuto del ferro, D’Ascanio trova il canestro allo scadere dei 24”, ancora Grilli, stavolta dalla lunetta (2/2), disattenzione difensiva dei reggini, D’Ascanio li punisce, perde palla Caprari e Delle Cave in contropiede appoggia  per la parità a quota 9. Ondo Mengue realizza dentro l’area pitturata, la Viola soffre a rimbalzo, Grilli con l’arresto e tiro, ancora parità, 11-11. Tripla nell’angolo di Ramenghi lasciato solo dalla difesa, Paparella cadendo all’indietro, ancora l’argentino protagonista , penetra in area e scarica nell’angolo per Potì che tutto solo infila la tripla del 16-14. Rappoccio sul parquet, Duranti appoggiando alla tabella, Caprari stoppa D’Ascanio, 16-16. Secondo quarto: Fiammata della Viola con Caprari e Gambolati per il vantaggio 20-16, i nero arancio giocano bene e il pubblico gradisce, Paparella in penetrazione appoggia facile, tripla nell’angolo di Ondo Mengue, buona circolazione di palla dei reggini che libera Grasso nell’angolo per la tripla, risposta immediata di Delle Cave, la Viola prova a spingere in velocità, Paparella serve Grilli che appoggia, 27-21. Caprari segna subendo il fallo di Paesano, +8 Viola, la reazione  della Stella Azzurra non si fa attendere con D’Ascanio dalla lunetta (2/2) e Fall da sotto, timeout di Bolignano. Dal ritorno sul parquet Paparella realizza in penetrazione, Rodriguez dalla lunetta (2/2), arriva anche il momento di Laganà. Si segna solo dalla lunetta, Gambolati (2/2), Fall (2/2), Laganà (2/2) e Rodirguez (2/2), allo scadere si butta dentro Caprari per il 37-32. Terzo quarto: Parziale di 5-0 Viola con la tripla di Paparella e il canestro da sotto di Gambolati, Rodriguez ruba palla e appoggia in contropiede, tripla nell’angolo di Grilli, terzo fallo di Gambolati, rientra sul parquet Laganà, canestro di Ondo Mengue, Grilli dalla lunetta (2/2), Laganà si fa sentire in difesa stoppando la conclusione al tiro di D’Ascanio e in attacco infilando la tripla centrale, Rodriguez con l’arresto e tiro, ma la Viola allunga, Caprari serve nell’angolo Paparella che trova la tripla del +12, 52-40. Fallucca (1/2) e Caprari dalla lunetta (1/2), Grasso stoppa Paesano, scontro fortuito tra Delle Cave e Potì (1/2), c’è spazio anche per Marengo, Ondo Mengue con quattro punti di fila, la difesa nero arancio sale di livello, Grilli (2/2), arriva il momento del capitano, prima segna un bel canestro cadendo all’indietro e poi si esalta con la tripla centrale, max vantaggio sul 62-45, +17. Quarto quarto: Ancora protagonista Seby Grasso che segna subendo il fallo, tripla di Grilli in contropiede, 69-48, la Stella Azzurra tenta di ridurre il gap con Ramenghi da sotto e Ondo Mengue dalla media, ma la Viola dilaga con la tripla di Potì, 72-52, +20. Duranti dalla lunetta (2/2), difesa nero arancio impenetrabile, tripla di Paparella, gli ospiti realizzano dalla lunetta con Rodriguez (2/2) e Fall (1/2), la partita è ormai chiusa, quinto fallo di Fall, Sereni dalla lunetta (1/2), Paparella si butta dentro subendo il fallo di Rodriguez, gioco da tre punti realizzato, 79-58, Rodriguez (2/2), timeout D’Arcangeli. Ondo Mengue (2/2), Paparella si butta dentro e alza la parabola, 81-62, Rodriguez con l’arresto e tiro, Duranti con la tripla, Grilli segna con il fallo, 84-67, Paesano dalla media, Marengo appena entrato appoggia facile a canestro, 86-69. Ultimi 20”dentro Laganà e Rappoccio, Marengo (2/2) chiude definitivamente i conti, finisce 88-69, la Viola torna alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive.